Voglia d’Italia 6: viaggio in Toscana

- Advertisement -

La Toscana è una delle regioni italiane che conosciamo di più. Sicuramente uno dei motivi è legato al fatto che Arturo, il nostro primo quattro zampe con cui cinque anni fa abbiamo inaugurato il blog Città Meridiane, era nato in questa bellissima regione. E con la “scusa” di andare a trovare Vicky, la sua mamma che viveva a Cortona, quasi ogni anno abbiamo approfittato di un viaggio per andare alla scoperta delle varie zone della Toscana.

Tra i gioielli della Toscana

Da Cortona, meraviglioso borgo molto amato dagli americani che vanta ben due gioielli museali, il MAEC con i reperti etruschi, e il Museo Diocesano che conserva importanti opere di Pietro Lorenzetti, Beato Angelico, Bartolomeo della Gatta, Sassetta e Luca Signorelli, ad Arezzo, la città di Piero della Francesca, che ha conservato intatto il suo cuore medievale accanto al bel Loggiato Vasariano.

toscana

Le file dei cipressi che si rincorrono sulle colline conducono in Val d’Orcia. Qui ogni scorcio merita una sosta per uno scatto da cartolina. Emerge bianchissima nella quiete che la avvolge l’abbazia di Sant’Antimo tutta costruita in travertino. La stessa pietra color miele con cui è stata edificata Pienza, la città ideale del Rinascimento, creazione del grande umanista Enea Silvio Piccolomini, diventato poi Papa Pio II. Ad appena dieci chilometri dalla città del papa umanista s’incontra San Quirico d’Orcia. Nel cuore di questo borgo fortificato il gioiello sono gli Horti Leonini, giardino all’italiana cinquecentesco con i prati segnati dalle siepi di bosso e gli alti lecci.

toscana

- Advertisement -

E come non fermarsi a Bagno Vignoni, il borgo che sfoggia una vasca medievale d’acqua bollente proprio nella piazza principale? Le sorgenti d’acqua calda della zona erano già conosciute al tempo dei romani e frequentate da Santa Caterina da Siena e Lorenzo de’ Medici.

Toscana

Apprezzando il buon vino siamo stati anche a Montepulciano e a Montalcino caratterizzate da eleganti palazzi rinascimentali, antiche chiese, splendide piazze e nettari d’uva di gran pregio. Il centro storico di Montalcino è dominato dalla possente Rocca e il panorama che si gode dai bastioni è davvero spettacolare: dal Monte Amiata alle Crete fino a Siena, da tutta la Val d’Orcia fino alle colline della Maremma.

vini

E naturalmente anche in Chianti, che non è soltanto un grande vino, ma soprattutto un meraviglioso territorio caratterizzato da un fitto ordito di querce, castagni e conifere interrotto da larghe lingue di vigne e uliveti.

- Advertisement -

Firenze

E poi le eterne rivali: Siena e Firenze. Del resto la Toscana è da sempre terra di campanilismi, tra le grandi città ma anche i piccoli centri. E tanto su questo si potrebbe scrivere. Ma noi vogliamo soffermarci sul viaggio che domani vorremmo fare e su borghi e cittadine in cui non siamo mai stati e che vorremo visitare.

Tra queste Lucca, un piccolo gioiello chiuso dentro mura possenti, alte 12 metri, realizzate nel Cinquecento e tanto larghe che fino a 25 anni fa venivano percorse in due sensi dalle automobili, mentre ora sono la meta preferita di chi fa jogging o passeggia tra alberi, panchine e sculture moderne. Non è l’unica cosa che soprende di questa splendida città a misura d’uomo. Torre Guinigi, con i 7 lecci in cima è una specie di Bosco Vderticale del Medioevo. Costruita nel 1300 dalla famiglia Guinigi è oggi visitabile: si salgono a piedi 230 gradini, ma il panorama dall’alto vale la pena.

- Advertisement -

E ci piacerebbe approfondire anche la conoscenza di Livorno. Meno blasonata di altre città toscane, custodisce piccole perle come la Terrazza Mascagni, il lungomare, le antiche strade affacciate sui canali navigabili del quartiere Venezia. E, dopo un salto al Mercato centrale dalla bella struttura liberty, fare il “giro dei fossi”, i canali d’acqua medicei a bordo di battelli, per avere un punto di vista diverso.

Elba

A proposito di Elba: l’isola ci è rimasta nel cuore. Ne abbiamo approfondito la visita della parte orientale, quella della penisola di Capoliveri, la costa più estesa dell’isola dell’Elba che fa capo al piccolo borgo su una terrazza del Monte Calamita, facendo base presso la Tenuta delle Ripalte, borgo agricolo ottocentesco aggrappato alla Costa dei Gabbiani e di fronte all’isola di Montecristo.

Capoliveri

Ma il desiderio è quello di tornare per perdersi tra baie isolate e paesini incantevoli come Rio nell’Elba, borgo medievale ai piedi del monte Strega e Marciana Marina che con la Torre Saracena e l’antico quartiere Cotone è uno dei gioielli architettonici elbani.

Elba

E poi riprovare quelle indimenticabili sensazioni che regala il navigare sul blu verso un orizzonte che sembra infinito e poi dirigere lo sguardo verso terra apprezzandone forme e colori da lontano. Magari questa volta non solo passando davanti a spiagge di ciottoli e anfratti segreti, ma fermandosi in piccole insenature nascoste a fare il bagno nelle acque cristalline sotto le pareti di roccia che sprofondano negli abissi.

(Foto dai siti cittameridiane.it e pixabay.com)

- Advertisement -
Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

SEGUICI SU

4,857FansLike
10,760FollowersFollow
310FollowersFollow
1,023FollowersFollow
3,670FollowersFollow
39SubscribersSubscribe

PROVATE DA NOI

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here