Belle notizie per chi come noi viaggia con il cane. E non solo con un cane tascabile bensì anche con quelli di media e grande taglia! Recenti ricerche infatti hanno svelato che se fino al 2014 l’Italia era fuori dalle classifiche delle mete più accoglienti per chi viaggia con gli animali al seguito, in pochi anni la situazione è radicalmente cambiata.

Strutture pet friendly in tutta Italia

E se nelle case degli italiani ci sono sessanta milioni tra cani, gatti, criceti, uccelli, roditori e rettili, sono sempre di più quelli che decidono di portarli con loro in vacanza perché sono aumentate le strutture turistiche che li accolgono insieme ai loro pets. Oggi, la metà degli alberghi è dogwelcome, media che supera persino quella degli Stati Uniti considerati pionieri dei viaggi pet-friendly, e ci pone al di sopra di paesi come Svizzera e Germania.

Insomma dati molto confortanti anche se purtroppo ancora capita di imbattersi in hotel che non ammettono o accettano malvolentieri la presenza dei nostri amici a quattro zampe. Meglio andare sul sicuro, dunque, e pianificare la propria vacanza scegliendo, già in partenza, un hotel pet friendly. E in questo vi aiutiamo proponendovi una selezione di strutture testate direttamente da noi!

Partendo dalla Puglia, a Gallipoli al Bellavista Club del gruppo Caroli Hotels i cani sono più che benvenuti e senza alcun costo aggiuntivo. La struttura propone a chi ha animali domestici anche un apposito cartellino da appendere alla porta per evitare di disturbare gli ospiti a quattro zampe.

In vigna

Chi ai grandi alberghi preferisce le soluzioni più intime, troverà perfetta la sistemazione a Bovino nel bed and wine di Rocco Zambri, nella meravigliosa natura dei Monti Dauni. Un posto dove svegliarsi al canto degli uccellini che saltellano tra i filari e passeggiare col proprio amico peloso in mezzo alle viti e a due passi dall’incantevole castello di cui si scorgono le spesse e imponenti mura.

Masseria dei Monaci

Tanto spazio e un panorama tutto da godere sul mare più orientale d’Italia alla Masseria dei Monaci a Otranto, dove Germana e la sua famiglia accolgono in modo caldo e familiare due e quattro zampe. In questa struttura, risalente al V secolo, le tredici camere molto spaziose e tutte disposte su due piani con zona notte sul soppalco e zona soggiorno al piano basso, si affacciano con ingresso indipendente su uno spazio centrale secondo la classica morfologia delle case a corte locali.

Spesso chi viaggia col quattro zampe al seguito piuttosto che hotel e b&b fa cadere la sua scelta su case di vacanza in cui avere più libertà e indipendenza. Noi ve ne suggeriamo tre in cui soggiornare con i vostri più fidati amici.

Nella splendida campagna di Ostuni, tra gli olivi e il mare, si ergono basse costruzioni, bianche e squadrate con grandi vetrate, che richiamano in senso moderno le lamie, antiche dimore locali. Sono le quattro case vacanza, due più grandi dotate di piscina con solarium e giardino tra gli ulivi, e due più intime, della Tenuta Parco Paolino in cui possono beneficiare di tanta aria pulita lontano da traffico e caos cittadino anche i viaggiatori come Otto.

I 7 archi

Sempre a Ostuni, ma in pieno centro storico, le bianche casette ristrutturate con gusto e nel rispetto delle loro origini, de I 7 archi Guest House di Graziana Maiorano e Giorgio Bagnardi.

Tutte riprendono i loro nomi da termini dialettali locali e quella che è stata la nostra casetta, in cui anche Otto si è sentito perfettamente a suo agio, si chiama Dda Rreta, un monolocale completo di tutto con un “bagno-grotta” dall’atmosfera molto avvolgente.

La Maison Blue

Spostandosi più a sud sul lato ionico del tacco, sul litorale di Torre San Giovanni marina di Ugento, comode e confortevoli le dimore de La Maison Blue Salento che assicurano una calda ospitalità a soli 70 metri dal mare. Qui ci si sente veramente a casa propria e noi, con il nostro Otto, abbiamo soggiornato nel monolocale con zona pranzo interna ed esterna e angolo cottura completo di tutto.

Mater

Nella vicina Basilicata, a Matera, neo capitale della cultura per questo 2019, suggeriamo Mater Casa Vacanza, che sin dal nome scelto rimanda oltre che alla città in cui si trova anche a un concetto di grembo materno e di nido accogliente.

Un valore aggiunto, poi, la vicinanza alla Villa Comunale che consente di far sgranchire le zampe agli amici a quattro zampe per passeggiatine al mattino e alla sera.

Orangery

A Tursi, nel suggestivo quartiere de La Rabatana, si trova il favoloso mondo di Martine Greslon e del suo The Orangery Retreat, formato da due appartamenti, The Mandarin e The Bergamot, che rispettano la semplicità e l’autenticità della vera Basilicata, quella della passione e delle tradizioni. Noi insieme a Otto siamo stati ospiti del primo, al quale si accede dalla porta color turchino che immette in una stanza senza tetto e con una fontanella che sembra cantare a ogni ora e poi in una casetta dalle atmosfere ovattate e senza tempo dove l’impronta di Martine è ovunque.

Villa Gallici Deciani

Per chi ama viaggiare con il proprio cane, il Friuli Venezia Giulia è una delle regioni più accoglienti e sono tante le strutture pet friendly. Noi abbiamo trovato ovunque un’ottima ospitalità per noi e per il nostro Otto. Una residenza di grande fascino aperta anche ai pelosi che possono scorrazzare nell’immenso parco è Villa Gallici Deciani, un luogo di rara bellezza, immerso nel verde della provincia di Udine, che offre una proposta di soggiorno esclusiva e unica in suite e accoglienti appartamenti dove si respira il senso di un grande passato amorevolmente salvaguardato.

Palazzo Scolari Salice

Accogliente e suggestivo Palazzo Scolari nel cuore di Polcenigo, uno dei Borghi più belli d’Italia, in cui la proprietaria Anna Salice accoglie col sorriso bipedi e quadrupedi. Meraviglioso il giardino realizzato nella prima metà del 1800 che si sviluppa su più livelli delimitati da muri in pietra e che è dominato da un maestoso cedro atlantico alto 35 metri che svetta tra querce, castagni e criptomerie.

Sembra di vivere in una delle casette descritte nelle favole che ci leggevano da bambini: questa la sensazione per chi entra a Casa Oberrichter nel comune di Malborghetto-Valbruna al confine con Austria e Slovenia. Ambiente ideale per concedersi il piacere di lunghe passeggiate a due e quattro zampe e un mondo magico per grandi, piccini e pelosi con la sua aria da casetta di marzapane, il suo calore raffinato e la cura nei particolari, dalle calde stufe in ceramica alle sculture in legno realizzate da Silvano Nicolaucich e decorate da sua moglie Marina Gioitti.

Locanda Rosa Rosae

In Veneto, nella campagna di Treviso, la gestione familiare dell’antico mulino a Breda di Piave, in cui è stata ricavata la fiabesca Locanda RosaRosae, è perfetta per l’accoglienza degli amici a quattro zampe. Qui saranno coccolati e riceveranno sempre un trattamento di favore tra grandi vasi pieni di profumatissimi fiori, ceste cariche di frutta e le luci tremolanti delle candele, sparse ovunque, in un clima familiare e caldo.

Glamping

Tra la Laguna Veneta e il fiume Brenta dove i Dogi e le nobili famiglie veneziane avevano le loro dimore estive, un soggiorno sofisticato e adatto anche a chi viaggia con gli amici con pelliccia è garantito dal Glamping Canonici di San Marco, a 13 chilometri da Venezia. Qui, a disposizione degli ospiti quattro tende da sogno con letti a baldacchino, divani dal gusto retrò, bagno con doccia, frigo, menu cuscini e bollicine di benvenuto, il tutto immerso nella natura con passaggi attraverso corridoi di bambù e alberi frondosi a garantire frescura.

cane

In ogni caso, sia che abbiate scelto di andare in albergo, in campeggio o di affittare una casa, ricordatevi di portare con voi qualcosa che ricordi a Fido la sua quotidianità: una coperta, un cuscino o la cuccia dove dorme tutti i giorni per fargli ritrovare gli odori familiari.

2 COMMENTS

  1. Per noi che viaggiamo con il cane al seguito è un’ottima notizia. Anche la mia esperienza è molto positiva in Italia. Ho trovato sempre alberghi e ristoranti che accettano i nostri amici senza alcun problema. Diverse sono, invece, le strutture che non tollerano la presenza di bambini. Se questa discriminazione in passato veniva espressa solo verbalmente sotto forma di battuta, recentemente l’ho trovata scritta tra le regole di una struttura ricettiva. Bah.
    Comunque, ora mi aspetto che il mio datore di lavoro mi consenta di portare com me la mia Lunetta.
    PS Le sistemazioni di cui parli sono tutte meravigliose; spero di visitarne qualcuna in una prossima occasione.

  2. In quasi venti anni di giri con quattro zampe al seguito (prima con Arturo e adesso con Otto) possiamo testimoniare che nei confronti dei nostri amici pelosi l’apertura è stata notevole. Anzi a noi è spesso accaduto il contrario: siamo stati invitati proprio grazie alla loro presenza. E sono felice che anche a distanza di anni in molti si ricordino di Arturo che veniva spesso con me anche in redazione. Ora è Otto il beniamino 😊

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here