Luci, alberghi da sogno, casinò, matrimoni improvvisati e tanto tanto divertimento. Questa è semplicemente Las Vegas, la capitale del Nevada. E se le sale da gioco rappresentano ancora l’attrazione principale in grado di attirare milioni di turisti da tutto il mondo, oggi parleremo di un itinerario alternativo pensato per chi non vuole fermarsi semplicemente davanti a una roulette o a un tavolo verde: la “Sin City” e i suoi dintorni sono tutti da scoprire.

La “Sin City” e i suoi dintorni

Un po’ di storia. Secondo l’ultimo censimento l’area metropolitana di Las Vegas conta una popolazione di quasi 2 milioni di abitanti ed è una delle aree a più forte crescita degli Stati Uniti. Basti pensare che la città “ceduta” dal Messico agli USA nel 1855 è oggi considerata uno dei luoghi con la qualità di vita migliore di tutto il Paese grazie alla decisione di puntare totalmente su energie rinnovabili e “pulite”.

Ma iniziamo con il nostro viaggio. Anche se non siamo appassionati di gioco non possiamo non iniziare la nostra visita con una passeggiata sulla Strip. Lunga 6,4 km, è l’attrazione principale di Las Vegas con i suoi ristoranti, i suoi bar e i casinò entrati nell’immaginario comune grazie a film, serie tv e libri.

Ne segnaliamo due, i più famosi. Anche se l’abbiamo visto milioni di volte non possiamo non rimanere impressionati dallo sfarzo del Caesar’s Palace, forse l’hotel più conosciuto grazie all’architettura che richiama l’era dell’Impero Romano. Poco più avanti troviamo lo Stratosphere che con la sua torre panoramica di 350 metri (la più alta degli Stati Uniti) regala una vista mozzafiato di tutta Las Vegas.

Proseguendo sulla Strip passeremo davanti al Flamingo e potremo rivivere le atmosfere di “Bugsy”, uno dei film storici dedicati al mondo dei casinò con protagonista un magistrale Warren Beatty. Di proprietà della Caesars Entertainment, il Flamingo ospita una sala da gioco di 7200 mq e un albergo di 3626 stanze, tutte realizzate nello stile Art déco tipico di Miami. Ad oggi è il più vecchio resort in attività nella città.

Se siete appassionati di spettacoli e di eventi culturali l’MGM Grand è il posto che fa per voi: le ampie sale presenti al suo interno hanno permesso di ospitare le esibizioni del Cirque du Soleil e di realizzare un vero e proprio palinsesto teatrale.

È dedicato interamente alla musica l’interno dell’Hard Rock Hotel & Casino, uno dei più conosciuti ed eleganti resort, situato a soli 2 isolati dalla Strip. Famosissime le sue sale concerti in cui si sono esibiti stelle internazionali della musica come Bon Jovi, Santana e Morrissey.

Spostiamoci dagli alberghi e dai resort e andiamo a scoprire gli altri divertimenti. Il primo è lo High Roller, la ruota panoramica più alta del mondo in grado di trasportare 40 passeggeri in 28 cabine ogni mezz’ora. A pochi passi dal Venetian Hotel troveremo anche il classico museo delle cere di Madame Tussauds con le riproduzioni fedeli dei personaggi più famosi del mondo dello spettacolo e con il cinema in 4D dedicato ai supereroi della Marvel.

Per gli amanti dello shopping la tappa obbligata è quella del Fashion Show Mall. Non parliamo di un semplice outlet di grandi marchi: al suo interno si tengono ogni week-end importanti sfilate e la sera le grandi sale interne si trasformano in uno dei cinema più belli della città.

Prima di esplorare i dintorni di Las Vegas, infine, passate a visitare una delle famose wedding chapel dove potrete sposarvi o rinnovare i voti matrimoniali nello spazio di una giornata.

Fuori dalla città c’è un mondo tutto da scoprire. Sono sufficienti dieci minuti di auto per trovare il Counts Kustom, lo showroom di macchine stravaganti protagonista della serie televisiva “Counting Cars”. Spostandoci di qualche chilometro potremo dare al nostro viaggio un sapore “naturalistico”. A soli 20 km da Las Vegas si trova il Red Rock Canyon, una valle formatasi oltre sessanta milioni di anni fa e caratterizzata da un paesaggio roccioso quasi totalmente composto da arenaria rossa.

Gli amanti degli spettacoli americani, infine, non potranno esimersi dal visitare la dimora di Wayne Newton, celebre cantante e attore statunitense e una delle sole tre persone, insieme a Elvis e Frank Sinatra, ad aver ricevuto la medaglia d’onore della città.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here