mercoledì, Ottobre 5, 2022

Gli ulivi nei libri di Giancarlo Bellantuono

spot_imgspot_imgspot_img

 

Gli ulivi sono i grandi protagonisti dei libri dell’artista Giancarlo Bellantuono presentati durante una piacevole chiacchierata lo scorso 1 settembre a Monopoli. Il dialogo tra me e Giancarlo è stato ospitato nella deliziosa piazzetta antistante The King Caffè Letterario che insieme al Mondadori Book Store di Monopoli si è occupato dell’organizzazione dell’incontro.

Gli ulivi al centro del percorso fotografico dell’autore

Un vero dispiacere che a causa del meteo avverso molte persone non siano intervenute. In realtà la pioggia prevista è arrivata, ma poco prima delle 20, quando l’evento era già avviato alla conclusione e le prime gocce hanno soltanto accelerato i saluti.

ulivi

Presentare i libri “Il mio cuore tra gli ulivi” e “Apulia Emotion” mi ha particolarmente coinvolto, in quanto conosco bene sia la vita artistica dell’autore che la sua vita personale e non ho potuto fare a meno di mostrare la mia commozione quando Giancarlo ha parlato dell’intreccio delle sue esperienze di vita con la rappresentazione di quelli che sono considerati i più imponenti, ma anche ultimamente molto vulnerabili, simboli della nostra terra.

ulivi

Gli ulivi hanno catturato la sua attenzione da molti anni. Il primo libro a loro dedicato, “Impronte secolari – l’urlo dell’ulivo”, lo ha realizzato insieme al fratello Josè Carlos ed è al suo interno che è inserita la famosa fotografia che dà una parte del titolo al volume: “L’urlo dell’ulivo”. L’artista ha raccontato il suo incontro con il tronco di questo ulivo così particolare e ancora oggi non si sa spiegare se fu lui a trovarlo oppure venne trovato. La fotografia fu poi pubblicata su varie testate nazionali fino ad approdare alla Galleria scientifica del Munch Museum di Oslo.

Dal’Urlo di Munch a quello accorato, tanto da divenire uno straziante grido di dolore, raccontato attraverso le immagini de “Il mio cuore tra gli ulivi”, un progetto molto personale e allo stesso tempo universale che tocca le corde dell’anima, i tronchi contorti di questi alberi hanno sempre suggerito a Giancarlo Bellantuono profonde riflessioni.

ulivi

Le sue foto non ritraggono soltanto la profonda bellezza della natura, ma stimolano il pensiero riguardo l’emergenza di tutelarla e di preservare l’intero nostro territorio, a partire da questi alberi che non sono solo gli oggetti fotografati, ma divengono soggetti d’arte. Nelle tappe del suo percorso, quindi, gli ulivi vanno oltre il concetto di natura e travalicano anche l’arte stessa in quanto, come succedeva nell’antico passato, vengono deificati, per cui le foto divengono un omaggio a questi dei e perfino una forma di preghiera.

Considerati piante sacre e immortali, gli ulivi devono la loro forma alla rotazione terrestre ma anche alla contorsione provocata dalla siccità, dalle cavità create dalla furia dei fulmini e dal tempo che ne dissolve il legno scavandolo fino a farlo evaporare e alla capacità di crearsi delle riserve d’acqua sulla corteccia attraverso i mammelloni, tessuti pieni di cellule da cui nascono i nuovi germogli.

Tutto ciò fa sì che non ce ne sia uno uguale all’altro e la forma di ognuno rimanda spesso ad altre immagini secondo quel fenomeno conosciuto sin dai tempi più antichi e noto con il nome di pareidolia, che letteralmente significa andare oltre a ciò che appare. Oggi questo concetto è alla base della neuroscienza e si è sviluppato anche nel mondo della fotografia grazie all’apporto del grande fotografo Berengo Gardin secondo il quale la fotografia, basata su un processo chimico, va stampata su supporto cartaceo per divenire materia attraverso cui trasmettere emozioni e lasciare un ricordo indelebile.

ulivi

Trarre, mediate dalla propria cultura e anche dalla propria storia personale, emozioni e conseguentemente immagini dai fusti degli ulivi è stato il passo successivo: ho cominciato io vedendo un ventre materno nella foto che Giancarlo ha realizzato entrando nello spazio cavo del tronco di un grande ulivo: particolare ben strano per un albero che è sempre stato considerato maschile e comunemente inteso come simbolo di virilità. Il gioco di andare oltre a ciò che appare si è poi esteso alla platea e ognuno ha dato la sua interpretazione.

Nello stesso tempo, l’autore ha sottolineato come sia naturale pensare agli ulivi come esseri viventi con un cuore e un’anima, e che è proprio dal cuore, considerato il centro dell’uomo prima che prendesse il sopravvento la sua parte cerebrale, che lui è partito per “partorire” il secondo libro. Un libro speciale, “Il mio cuore tra gli ulivi”, che Giancarlo Bellantuono ha dedicato non solo al territorio pugliese, ma anche, come scrive nella prefazione, “a quanti, in questo particolare momento storico, pur vivendo vicissitudini personali dolorose, hanno la fortuna di avere accanto chi li ama”. Un’accorata dichiarazione d’amore alla moglie Caterina ammalata di Sla che è stato sicuramente il momento più toccante della serata.

Non sono mancate note polemiche sulla situazione di degrado in cui i nostri ulivi secolari versano, nonostante la legge regionale di tutela, e sulla capacità delle nuove generazioni di cogliere il valore della natura che va ascoltata in silenzio proprio come lui ha fatto scattando immerso tra gli ulivi le foto del terzo volume “Apulia Emotion”. Non solo un omaggio ai paesaggi di Puglia ma un invito a tutelarli di più e meglio per garantirne il godimento anche alle generazioni future.

Perché se gli ulivi sono simboli di resilienza e hanno la capacità di trasformarsi in base ai cambiamenti dell’ambiente esterno per non soccombere, è anche vero che, come ha scritto Junichiro Kawasaki “il futuro si misura dal passato, dalle cose che fai, dalla scrittura all’arte sino ai figli che fai. Ed è fondamentale educare al valore dell’amore per quello che è il passato, per poi proiettarsi verso il futuro”.

A Monopoli tutti e tre i libri sono disponibili al The King Caffè Letterario, presso Mondadori Book Store si possono acquistare “Apulia Emotion” e “Il mio cuore tra gli ulivi”, che è in vendita anche presso la libreria Minopolis.

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

spot_img

Scopri Bibibau con noi

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here