Una volta, quando il pane per il bisogno familiare si faceva in casa, nei paesi tutti i quartieri avevano il loro forno in cui gli impasti venivano consegnati sulla striscia di legno che si portava sulle spalle. Più o meno ogni otto giorni, le pagnotte sulle quali spesso si tracciava una bella croce, venivano portate al forno per essere cotte dopo aver concordato il turno dell’infornata.

Un luogo sospeso nel tempo e immerso in una bellezza dal sapore autentico

Oggi questi antichi forni in pietra sono stati sostituiti da quelli elettrici, il pane si acquista in panetteria e non si fa più in casa. A Specchia (https://www.cittameridiane.it/specchia-un-salto-nel-tempo/) , paese del Basso Salento ben conservato che fa parte del club I borghi più belli d’Italia e che nel 2013 ha ricevuto anche il riconoscimento di “Gioiello d’Italia”, uno degli ultimi antichi forni usati un tempo per la tradizionale cottura del pane, è ora una casa accogliente che presenta una serie di spazi suggestivi su più livelli: Specchia House.

specchia house

Ideale per una coppia o una famiglia con uno o due bambini, la casa ha un delizioso ortale, un arioso terrazzo panoramico, un soggiorno con un soppalco facilmente raggiungibile tramite una scaletta a pioli e con un basso sommier, una stanza con letto matrimoniale alla francese, due bagni di cui uno ricavato proprio nell’antico forno che conserva la volta a cupola.

I padroni di casa Maria Elena e Carlo, con i figli Donato e Claudio, hanno voluto dare agli ambienti un’aria intima e informale con un mix di cimeli di famiglia, materiali recuperati e oggetti d’antan.

specchia house

In un angolo ci sono due poltrone in pelle, in un altro, sotto il soppalco, una larga mensola che fa da scrivania. Il pavimento è un fresco disegno a scacchi bianco e celeste polvere, la cui sobrietà è attenuata dall’uso fantasioso dei colori e dei tessuti.

specchia houseIn cucina sono state ripristinate le vecchie mensole sulle quali si facevano asciugare le pezze di formaggio ed è stata conservata la porta con una caratteristica forma a pera, più stretta in alto e più larga in basso per consentire il passaggio delle botti.

Al centro troneggia una vecchia madia, che rimanda al sapore del tempo e di quello che fu il luogo, quando in questo tipo di mobile si inseriva l’impasto del pane e lo si copriva con degli strofinacci puliti e delle coperte per non disperdere il calore. Da evidenziare che la casa è dotata di moderni elettrodomestici compresi lavatrice e lavastoviglie, oltre che un grande frigorifero e il forno.

specchia house

“L’ubicazione dell’edificio è stato l’elemento che più mi ha attratta di più” – ci ha detto Maria Elena. La casa si trova sulle mura del borgo medievale, al centro della città, con una magnifica vista sull’ex convento dei Francescani Neri e sulla campagna circostante. Ma quando l’aria è tersa lo sguardo corre fino al mare con sullo sfondo le alte montagne dell’Albania che sembrano vicinissime.

specchia house

Nonostante sia nel cuore del paese è un luogo tranquillo e molto silenzioso: non si sentono rumori di auto o traffico, solo il suono del campanile della vicina Chiesa madre. La “conversione” dell’edificio è stata a tratti una vera avventura, con la scoperta di intercapedini e cisterne. E la struttura è molto diversa da quella originale, avendo anche inglobato un vecchio magazzino ora adibito a camera da letto con bagno. Ma dà ancora il senso di una storia e di un carattere: il risultato finale è quello di una dimora dallo stile bohémien-chic, con accenti di colore introdotti da stampe, tessuti e oggetti d’arredo.

In questo luogo sospeso nel tempo e immerso in una bellezza dal sapore autentico la tentazione è quella di non andarsene più perché è un posto dove potersi ritrovare e sentirsi in pace.

Specchia House
Via Giuseppe Garibaldi 19, Specchia – Lecce
Info: +39 349 5112628 – +39 328 7155049 (chiedere di Maria Elena o di Claudio)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here