Dado d. su misura sul web!

Su misura: significa farsi fare un capo di abbigliamento che cade a pennello. In genere comportando prove su prove con la sarta che prende le misure di seno, vita, fianchi, lunghezza.

Gonne e altri capi sartoriali made in Tuscany

Lo so bene dato che di una sarta sono nipote e che per anni ho indossato i capi confezionati da lei per me. Ma prima di arrivare a sfoggiare il mio abito, la mia camicetta, la mia gonna, c’erano diverse fasi preparatorie. A cominciare dalla scelta del modello sui giornali specializzati. Poi si andava in giro insieme per negozi di stoffe per comprare quella più adatta e, quindi, mia zia si metteva all’opera nel tagliare e imbastire il capo. A questo punto cominciavano le prove, a volte estenuanti, perché tutto doveva cadere perfettamente. E quindi mi toccava stare ferma, girare su me stessa e ancora stare ferma finché guadando l’orlo zia Anna esclamava a chi assisteva alle prove “guarda come piomba bene”!

Mi è tornato alla mente tutto questo, compresa la mia sensazione di impazienza nel voler vedere finito il capo per poterlo sfoggiare, quando mi è arrivata a casa la scatola contenente la gonna creata su misura per me da Dado d. Uniche misure richieste? Quella del girovita e l’altezza. Per me un vero miracolo!

Non avrei mai pensato di poter acquistare un capo online e soprattutto non avrei mai scommesso che una volta indossato si sarebbe adattato perfettamente alla mia figura e senza prove!

su misuraE’ sicuramente il lato “magico” del web, ma non solo. Perché alla base del progetto Dado d. c’è non solo la conoscenza dell’arte sartoriale insieme a esperienze con metro e tessuto, ma il sogno di Emily Cacciò che ne è l’anima.

Da sempre appassionata di moda, design e lifestyle, infatti, dopo gli studi in architettura e diverse esperienze lavorative nei settori della moda e del customer care, decide di dedicarsi a questa nuova impresa.

Il compito di Emily non è solo quello di prendere le misure, ma di guidare il cliente verso la scelta del capo perfetto. Ogni dettaglio viene deciso insieme e ogni personalizzazione significa profonda comprensione delle aspettative per assicurare il miglior risultato.

Così Dado d. è soprattutto passione, quella con la p maiuscola. A cominciare dal nome. Dado d. racchiude in sé i suoi più grandi amori: suo figlio Edoardo chiamato affettuosamente Dado e il design, rappresentato dalla lettera d.
Il suo motto? “Vivi di bellezza”! Perché Emily crede fermamente nel potere salvifico delle cose belle ed è sicura che sarà proprio la bellezza a salvare il mondo: questo il motore rombante di tutto il suo progetto.

Che comincia molto prima della realizzazione del capo, sin dal disegno di alcune delle fantasie dei tessuti che utilizza per le sue creazioni, in cui tanta cura è riservata al dettaglio sartoriale.
Tutti i tessuti sono in quantità limitata perché capo su misura vuol dire anche creazione esclusiva, creata apposta per chi la ordina. E anche le collezioni cambiano spesso e non sono mai distribuite in grande numero.

Chi sceglie Dado d. lo sa ed è proprio questo uno dei massimi piaceri di indossare un capo unico e personalizzato, dalle gonne agli abiti, dalle pochettes ai foulard. Per cui se volete anche voi ordinare un capo su misura basta seguire le semplici istruzioni indicate sul sito e… attendere la vostra scatola!

Torniamo a parlare della mia. Perché la sorpresa, una volta aperta la scatola, arriva non solo attraverso la confezione elegante in cui è avvolta la gonna, con carta preziosa e nastro di raso bordeaux fermato da una spiga di grano, ma anche dalla nuvola leggera di profumo che ti avvolge in un abbraccio caldo e allo stesso tempo delicato.

su misura

E finalmente, la gonna, che indossata rappresenta un dialogo perfetto tra abito e persona. La gonna Bud Blue di Dado d. mi rappresenta e non soltanto perché ne ho scelto il colore, il disegno e la stoffa, un morbido tessuto in lana e cotone perfetto per la stagione, ma perché mi dà la certezza di portare un simbolo dell’artigianalità, di un tempo ritrovato e un comfort gentile e molto femminile.

su misura

In più, è una gonna versatile che asseconda il trend attuale, comperare meno ma meglio, cambiando il nostro guardaroba e arricchendolo con capi di qualità, ma con più anime. Basta infatti cambiare accessori e muta l’outfit da quello giusto al mattino a quello in cui si è pronti per una serata importante.

Una compagna di viaggio ideale, insomma, che insieme a me racconterà le atmosfere vissute nei luoghi che visiteremo. Emily del resto sa molto bene che il futuro della moda è nella narrazione, con il digitale a fare da cassa di risonanza. Ed è per questo che ha deciso di affidarci una delle sue “creature”, per farla esprimere attraverso parole e immagini sul travel magazine Città Meridiane e per trasmettere al suo e al nostro pubblico la sua storia personale e quella dei suoi pezzi sartoriali.

Dado d.
Corso Giuseppe Mazzini, 54 – Livorno
Info: www.dadod.it

Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

SEGUICI SU

5,346FansLike
10,747FollowersFollow
315FollowersFollow
1,023FollowersFollow
3,696FollowersFollow
39SubscribersSubscribe

PROVATE DA NOI

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

  1. Da come lo racconti sento anch’io che ci sia dietro più che soltanto preparazione e professionalità; in un periodo così travagliato come quello attuale io lo vedo come bellezza che porta con sé tanta voglia di rinascere. Voglia di andare oltre il coprirsi e adottare il vestire.

  2. E lo vedi nel modo più giusto! Soprattutto in questo momento in cui abbiamo bisogno di bellezza, di lavoro e di speranza.
    Non sono d’accordo con il demonizzare gli acquisti (ultimo trend online). Bisogna invece incentivare il prodotto italiano comprando qualità dietro cui ci sono tanto lavoro e dedizione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here