A small messy turbulence

Dalla Piazza d’armi del Castello Carlo V a Lecce, fino ai suoi sotterranei, per poi risalire ai camminamenti panoramici: sono questi gli ambienti per i per i quali nasce la collettiva dal titolo “A small messy turbulence” che riunisce i lavori degli artisti che concludono il percorso di formazione promosso dalla scuola e spazio di ricerca PIA, con sede a Lecce, nel quartiere San Pio.

 

Il titolo della collettiva fa riferimento alle turbolenze del presente, al moto caotico e irregolare dei processi di conoscenza e allude anche agli undici artisti visivi coinvolti nel progetto espositivo: si spazia dalla pittura alla performance, dalla scultura all’installazione video.

“A small messy turbulence” presenta le opere di Alice Caracciolo, Maria Cristina Frisullo, Serena Grassi, Massimo Grecuccio, Luigi Manca, Marco Musarò, Mariantonietta Clotilde Palasciano, Ivan Romano, Silvia Ruggeri, Giulia Tenuzzo e Veronica Vergari.

Si attua così l’incontro in un territorio di margine e l’esperienza di convivenza di una piccola folla che, nonostante il caos del momento storico, ha deciso di muoversi e formarsi insieme, per tessere trame nuove, recuperare memorie e affermare la propria cifra stilistica e costruire intorno ad essa un’identità. Le opere sono il segno della loro evoluzione, di battaglie personali, ma anche di dialogo, talvolta anche tra generazioni diverse. Ed è questa la filosofia e l’intento della scuola PIA, fondata dalla curatrice Valeria Raho e dall’artista Jonatah Manno.

Il nome è acronimo di Persistence is all. PIA offre alta formazione nel campo delle arti visive e della cultura contemporanea, dando accesso a strumenti, informazioni, conoscenze tecniche e teoriche nelle discipline della progettazione artistica contemporanea. PIA favorisce le occasioni di incontro tra studenti, professionisti del settore e generazioni di artisti, incoraggiando la mobilità degli artisti e dei curatori dell’area del Mediterraneo all’interno di un network dal respiro internazionale.

A small messy turbulence

La collettiva, realizzata d’intesa con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi Lecce e Taranto e con la collaborazione di ‘Attraverso il Castello ATS’, ha l’obiettivo di dedicare così una settimana al contemporaneo.
Ed è pertanto l’evento conclusivo della prima edizione di LECCE ART WEEK, promossa da PIA in collaborazione con la galleria Progetto.

Antonella Lippo

Orari dal 18 al 25 ottobre: aperto dal giovedì al venerdì dalle 11 alle 12.30 e dalle 16 alle 17.30; sabato e domenica, dalle 10.30 alle 13.30; dalle 16 alle 19.
Prenotazioni: https://ceposto.ns0.it/app/web/index.phpr=site%2Fprof&id=588&ss=7.

In conformità alle direttive anti-COVID, l’uso della mascherina è obbligatorio così come le distanze di sicurezza interpersonali.

Le foto sono di Raffaella Quaranta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here