Ricette dal mondo: Giornata Mondiale delle Tapas

Il 23 luglio è la giornata mondiale delle tapas e festeggiamo con 5 città dove questa tradizione è un culto e addirittura gratuita.

5 città dove mangiare gratis le 5 tapas più popolari di Spagna

Ci sono diverse leggende che narrano l’origine della tapa: da quando nel XIII secolo il re Alfonso X chiese che gli venissero servite porzioni di cibo da accompagnare al vino fino a quando anticamente era tradizione servire il calice tappato con pane e salumi affinché non vi finissero dentro insetti. Comunque siano andate le cose, la tapa ha conquistato il nostro cuore, al punto che è nato anche un verbo: «Tapear» ovvero andare di bar in bar e assaggiare un po’ di tutto.

L’ideale sarebbe stare in piedi vicino al bancone per assaggiarne diverse varietà tra una chiacchiera e l’altra. Ogni volta che l’intero gruppo ordina una bevanda, si dice «ronda». Infatti, è comune sentire dire: «Questa ronda la offro io!». In definitiva, la cosa più importante nel «tapear» è godersi la compagnia e il cibo.

Per questo le taps sono diventate la tradizione spagnola più gustosa e divertente. Queste piccole porzioni di cibo sono diventate la più famosa tradizione gastronomica spagnola. Le tapas sono una specie di aperitivo accompagnato da birra, vino o sidro. Possono essere servite fredde, calde, sofisticate, popolari, a pagamento o gratis come complemento alla bevanda.

Dunque scopriamo le migliori città in Spagna per mangiare tapas gratis mescolandoci nei locali tra la popolazione iberica.

Ad Alcalá de Henares – Devi fare una passeggiata nel centro storico di Alcalá de Henares. E non puoi perdere di gustare le tapas. Nella città vi sono molti bar dove, oltre a bere, puoi scegliere le tapas gratuite. Porzioni molto abbondanti di huevos rotos, chorizo, paella sandwich misto o hamburger…

Si può dire che Badajoz è una delle capitali spagnole dell’aperitivo. Qui è possibile gustare tapas gratuite in quasi tutti i quartieri della città. Con una birra ti serviranno fegatini stufati, picadillo di pomodoro, pancetta o uova fritte con chorizo.

Granada aggiunge alla sua bellezza araba – con la spettacolare Alhambra – la gioia della sua gente, la cultura delle sue strade e, naturalmente, le enormi tapas: tre o quattro equivalgono ad un pranzo completo e attenzione perché sono gratis con la bevanda.

A Salamanca, il suino – in tutte le sue varianti – è il protagonista indiscusso (prosciutto Guijuelo, jeta, spiedino moresco o farinato, una salsiccia tipica), le zone migliori per le tapas gratuite sono la Città Vecchia e Van Dyck.

Ma la regina delle tapas gratuite è Leon dove c’è la grande tradizione di abbondanti tapas gratuite, che vengono servite quando si ordina un “corto” – birra- o un calice di vino. Uscire a prendere tapas equivale a pranzo o cena. E l’usanza è diffusa in tutta la città, dal centro alla periferia. Le aree più popolari sono il quartiere romantico e il quartiere umido. Inoltre nei locali di queste città quasi sempre ci sono tavolini all’aperto in modo che anche in questo periodo possiamo deliziarci con questa, gratuita, tradizione.

Ma quali sono le 5 tapas più popolari in Spagna?
Patate «bravas» o patate alioli: sono patate fritte ricoperte da una gustosa salsa. Quelle «bravas» sono piccanti, quelle alioli sono principalmente condite con olio di oliva e aglio.
Tortilla spagnola: Solitamente si ordina come «pincho de tortilla» («stuzzichino di tortilla»). La ricetta tradizionale prevede uova, patate e olio di oliva, anche se in tanti aggiungono la cipolla.
Polpo a feira: secondo gli intenditori questa pietanza a base di polpo deve essere servita su un piatto di legno, con un po’ di sale grosso, paprika (piccante per i più coraggiosi) e olio d’oliva.
Croquetas: sebbene quelle di prosciutto siano le più tradizionali, puoi anche trovarle ripiene di funghi, frutti di mare, baccalà o varietà di formaggio dal gusto forte come il Cabrales.
Huevos rotos: sono uova fritte con il tuorlo liquido poggiate su un letto di prosciutto e patate fritte. Rompendosi o «strapazzandosi», il tuorlo ricopre il resto degli ingredienti. Di solito, vengono accompagnate da pane per fare la «scarpetta» con il tuorlo.

Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

SEGUICI SU

5,347FansLike
10,747FollowersFollow
315FollowersFollow
1,023FollowersFollow
3,696FollowersFollow
39SubscribersSubscribe

PROVATE DA NOI

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

  1. Mai provati gli huevos rotos, e in generale sono tipo da “bocatas”, baguette appena sfornate, con tortilla tutta patate mai senza cipolle (!). Mai stata in queste città, solo a Ibiza, Madrid, Barcellona e Saragozza. L’unica tapa-esperienza l’ho fatta in quest’ultima con amici del gruppo di scambi linguistici che gestivo. Una volta ho anche assaggiato il polpo, non male ma non lo mangio d’abitudine. Invece las patatas… ovunque, anche nei sogni!

  2. Noi abbiamo fatto scorpacciate di patatas bravas a febbraio quando abbiamo visitato Valencia. Sembra una vita fa 😔

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here