Giovanna e i ceci di Cicerale

2
126
Intervista a Giovanna Voria

La partecipazione al press tour dedicato al progetto “Comincia dal campo” a Vallo della Lucania organizzato dalla pizzeria daZero e patrocinato dall’Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, dal Comune di Vallo della Lucania e dalla Banca di Credito Cooperativo del Cilento e Lucania Sud, mi ha dato modo di conoscere una persona straordinaria: Giovanna Voria, l’ambasciatrice della gastronomia cilentana.

“Strappata” per una giornata alla semina dei ceci rigorosamente bio che coltiva insieme a tantissime altre varietà di legumi, ortaggi e verdure nel suo agriturismo Corbella a Cicerale, Giovanna si è prestata a tenere dei laboratori sui legumi e le piante officinali ai bambini che hanno partecipato al progetto e che l’hanno attentamente seguita. Non è difficile, del resto, lasciarsi conquistare da questa donna energica e solare che si definisce cuoca cilentana appassionata. Da qui a intervistarla per i nostri “Incontri” poco prima dell’inizio del pranzo a base di pizze e prodotti cilentani presso pizzeria daZero, il passo è stato breve!

“Sono nata nel Cilento – mi dice -, patria della Dieta Mediterranea. Esattamente a Cicerale, la terra del cece Presidio Slow Food, insieme ad altri legumi simbolo fortissimo della gastronomia cilentana. Sono fiera di promuovere la cultura, la tradizione e la gastronomia di questa terra generosa”.

Una terra che ha incantato molti, tra cui Ancel Keys, il nutrizionista americano che ha vissuto molti anni nel Cilento per studiare le abitudini alimentari della popolazione. A lui si ispira Giovanna e al suo motto “mangiar bene per vivere meglio”. Lei, anzi, va oltre perché nella sua filosofia ci mette anche tutto il suo amore di donna e di madre. “L’amore vuol dire volere il bene dei propri cari, farli stare in salute. E’ per questo che ovunque vado sottolineo che bisogna mangiare col cervello pensando al bene della famiglia”.

Ma quali sono gli ingredienti irrinunciabili nella tua cucina?
Nella mia cucina entrano come ingredienti soltanto i prodotti di qualità, cucinati in modo semplice e conditi esclusivamente con olio extravergine di oliva. Propongo i piatti che noi cilentani vogliamo ci rappresentino dentro e fuori i confini del nostro territorio. E allora dico: Giovanna è un cece! La mia forza sono i ceci che propongo in tutti i modi in 200 ricette: dalle zuppe più classiche ai piatti più stravaganti che li prevedono in versione zuccherata, con il cioccolato e anche sotto forma di gelato.

Quali sono i piatti che Giovanna predilige creare?
Tutti quelli a base di ceci naturalmente. Su tutti la “cicciata” o “cuccìa”, una zuppa di origine contadina che veniva preparata il 1° maggio, a semina già avvenuta, con l’auspicio di un nuovo e abbondante raccolto. Per buon augurio veniva anche offerto un piatto ai vicini. Io ho conservato l’antica ricetta che prevede l’utilizzo di una ventina di semi tra legumi e cereali che vengono, separatamente, messi a bagno e cotti. Infine, a cottura ultimata, vengono mescolati insieme per dare vita all’autentica cicciata che ancora oggi, nonostante la preparazione lunga ed elaborata, rappresenta uno dei piatti più gustosi della nostra realtà cilentana.

Consigli da chef.
Io sono una cuoca contadina. Basta guardare le mie mani: in questi giorni c’è la semina dei ceci e le mie mani la raccontano tutta! In ogni caso è fondamentale il percorso dal campo al piatto, alla preparazione. Il Cilento è la culla della biodiversità, ma ognuno deve poter raccontare il suo territorio attraverso le erbe raccolte nei campi e i prodotti stagionali e a chilometro zero. Poi non deve mancare mai l’ingrediente più importante: l’amore!

La prossima volta promettiamo di andare a trovarla nel suo “regno”, l’agriturismo Corbella, immerso nella fiera e selvaggia macchia mediterranea di Cicerale, paese di antica origine medievale, affacciato sulla valle del fiume Alento. E’ qui, nell’accogliente sala da pranzo, che si possono gustare i piatti preparati da Giovanna con i prodotti biologici provenienti dall’azienda agricola, primi fra tutti i famosi ceci di Cicerale. Ne abbiamo tanto parlato, ora ci tocca assaggiarli!

2 COMMENTS

  1. Grazie Giovanna abbiamo solo cercato di rendere e di divulgare le belle cose che ci hai detto. Alla prossima!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here