A La Civetta per una Tavola ad arte

0
83
Tavola ad arte a Ceglie

A Ceglie Messapica, famosa per la sua gastronomia, si sono svolte le prime due cene evento del progetto “FOOD WINE DESIGN”, le Tavole ad Arte allestite dal FAAD, un collettivo che riunisce le produzioni più interessanti nell’ambito della Fotografia, dell’Arte, dell’Artigianato e del Design di matrice pugliese, guidato dall’architetto Silvana Inguscio.

I primi appuntamenti di questo evento itinerante alla scoperta di nuovi indirizzi del gusto pugliesi, che prevedono ogni mese l’installazione site specific di una “tavola-opera d’arte” realizzata con le creazioni dei designer del FAAD abbinata a una cena gourmet sono stati ospitati nei locali accoglienti e décontracté del bistrot La Civetta, nella piazza centrale di Ceglie Messapica. Un indirizzo che piace molto grazie alla sua cucina gustosa e non scontata elaborata dal giovanissimo Tony Urgesi, e presentata dal patron del locale, Daniele Elia, laureatosi cinque anni fa all’ALMA di Bologna e poi tornato nella sua Ceglie per dar vita al b&b Trulli Sant’Angelo e al bistrot in piazza.

Il primo degli eventi, il 18 marzo, ha visto la partecipazione di una allegra brigata che si è lasciata conquistare da un menu ispirato ai prodotti di stagione e di provenienza locale con una selezione di vini prevalentemente regionali con particolare attenzione alle cantine emergenti. Per la seconda delle Tavole ad arte dell’8 aprile scorso, alla quale abbiamo preso parte anche noi di Città Meridiane, Daniele ha pensato a piatti sfiziosi che, pur strizzando l’occhio alla tradizione pugliese, hanno pescato a piene mani anche da altre culture gastronomiche mediterranee.

Il via alla cena, infatti è stato dato da bocconcini di Welcome tapas con baccalà e acciughine, accompagnati da un Bloody Mary fuori dall’ordinario a base di Tequila, succo di arancia e un rametto di timo. Si è tornati “in patria” con il capocollo di Martina Franca e formette di formaggio fresco presentate in bassi bicchieri di vetro in cui vengono esaltati i colori della preparazione Masseria 3.0: dal verde delle foglie di fresca insalata al candido della produzione casearia locale. Ma i colori sulla tavola non sono assicurati solo dal cibo. Infatti, alti e slanciati anemoni blu pervinca insieme a fresie giallo sole spuntano da contenitori in vetro trasparente di ogni forma e dimensione.
All’antipasto segue il primo a base di tagliatelle cacio e pepe con gambero bianco e asparagi dal gusto delicato e ben equilibrato esaltato dal Bombino bianco di Giancarlo Ceci, che ha sostituito nel bicchiere il Prosit bianco di Cantine Cardone. Ancora sapore di mare per il piatto principale, un filetto di sgombro su crostone di pane ai cereali che ben si accompagna al cromatismo rosso e verde garantito dai pomodorini confit e dal pesto di spinaci.

Prima del “dulcis in fundo”, spendiamo volentieri due parole sui “contenitori” del cibo e delle bevande: tutte creazioni dei designers FAAD, dai piatti di Pierpaolo Gaballo alle creazioni in vetro di Maria Concetta Malorzo, dai contenitori in ceramica di Hiroko Nagase ai complementi di arredo che danno al locale l’artistico tocco in più e che si devono a Paolo Portaluri per le luminarie d’interni, a Chiara Cochi per le immagini incorniciate alle pareti, ad Antonio e Leonardo Scorrano per tavoli e sgabelli in legno di riciclo molto ecologically correct e alla ideatrice e organizzatrice Silvana Inguscio per le lampade.

Per chiudere non sono mancati due deliziosi assaggi di dolci squisiti e presentati in modo molto curato: il classico biscotto cegliese e i frollini con cremoso al caffè in abbinamento al Passito di Cantine Teanum.
Chiacchiere, risate e tanta allegria hanno accompagnato la cena che si è protratta oltre i consueti orari trasformando tutti in ombre della notte soddisfatte e satolle. Pronte a rifare presto l’esperienza!

La Civetta Bistrot
Piazza Plebiscito, 8 Ceglie Messapica (Br)
Tel. +39 392 5572061
Apertura 19,00 – 1,30.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here