Streeat food a Bari: pittule, vincotto e capocollo con Più Gusto

0
98
Streeat Food

Sarà la città di Bari a ospitare la tappa inaugurale dell’edizione 2016 dello Streeat European Food Truck Festival, da oggi 1 aprile fino a domenica 3, di fronte al mare di Torre Quetta ad ingresso gratuito. E’ la prima volta nel Sud Italia per questo particolarissimo evento, il primo e originale festival italiano del cibo di qualità su ruote. Dopo il successo del 2015 con oltre 500 mila presenze, inizia così il tour primaverile e sbarca per la prima volta al Sud Italia. Un incontro tra varie proposte di qualità del panorama culturale gastronomico italiano e internazionale in linea con l’anima del capoluogo pugliese.

Organizzata dall’agenzia milanese Barley Arts, il festival anticipa l’estate ed esalta il cibo di strada: lo street food, appunto. Declinato a seconda delle varie aree del Paese in una peculiarità gastronomica, che va dalle olive ascolane al panino con la mortadella fino allo gnocco fritto.
A Bari arriveranno 14 truck da tutta Italia ognuno specializzato in un unico prodotto. Tre saranno pugliesi: il primo è di Corato, la sua specialità è la pasta; il secondo è di Fasano e propone carne argentina cucinata alla maniera pugliese, il terzo è salentino e rinnova il gusto del vincotto e delle patate novelle.

Dal Salento, a preparare e offrire ai presenti le prelibatezze saranno due food trailer, la “Credenza on the road” e la “Mattra banca”, dispense mobili che portano su ruote una serie di esperienze culturali e gustative suscitate dall’uso sapiente di uno dei prodotti più tradizionalmente tipici del territorio salentino, il vincotto. Sulla Credenza si potranno trovare e gustare le patate novelle di Galatina al Vincotto ed il Capocollo di Martina Franca (presidio Slow Food) del Salumificio Santoro, mentre presso la Mattra banca lo chef Mimmo Persano preparerà i maritati ‘ncapunati e Antonio Venneri opererà con l’originale attrezzo denominato “sparapittule”.
L’idea originale è nata da un’intuizione di Antonio Venneri di Terra Apuliae che ha letteralmente contaminato diversi produttori locali dando vita ad una serie di nuovi prodotti, dalla pasta ai dolci tipici, dalla puccia alla frisa, aventi tre caratteristiche fondamentali: essere di altissima qualità, essere serviti anche per strada e, soprattutto, essere aromatizzati e prevedere tra gli ingredienti il Vincotto primitivO ed il Cuettu.

L’esperienza sensoriale sarà arricchita dalla presenza di due Birrifici Artigianali locali. Il birrificio Birranova che vanta una pluriennale esperienza nel rappresentare la tradizione millenaria della cultura birraia e della tradizione pugliese e dal cuore del Salento il Birrificio B94 che propone birre per un pubblico esigente e aperto a sensazioni gustative e olfattive nuove. Anche quest’ultima, B94, sotto l’abile guida di Raffaele Longo, è una delle aziende del circuito Più Gusto. A rendere poi unica l’emozione, oltre al cibo di qualità, vi è anche la selezione musicale targata Barley Arts, dal 1979 tra i più importanti promoter nazionali e internazionali.

Dopo l’evento inaugurale di Bari, il Festival proseguirà il suo tour con tappe a Langhirano, Mantova, Udine, Padova, Milano, Verona e Genova. In ognuna di esse quest’anno sarà presente anche la tradizionale ospitalità salentina grazie alla possibilità di ricevere presso il truck della Credenza la scatolina con “pacchetto vacanze”, un’idea ed un’offerta del gruppo Caroli Hotels.

Il Vincotto Experience, il Salumifico Santoro e la Birreria B94 appartengono al circuito “Più Gusto”, una rete informale di 28 entità di cui la maggior parte è rappresentata da aziende artigianali dell’agroalimentare di qualità: olio evo, ortaggi freschi e lavorati, legumi, latticini, capocollo, pucce, biscotti e prodotti da forno, sott’oli, vincotto, scapece, birra artigianale, pasta tipica, pasticceria e dolci (anche senza glutine), vino; ma non mancano chef, un’associazione di cuochi e una di piazzaioli professionisti, oltre ad alcuni professionisti della comunicazione. “Più Gusto” è una bellissima realtà nata quasi per caso che, in poco tempo, sta tracciando le linee guida nella sperimentazione di un nuovo ed originale modo di fare squadra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here