giovedì, Marzo 4, 2021

I am a dream, il profumo di Sarah Toma

Di come Sarah Toma, suo padre Gabriele e la loro Olfattoteca a Tuglie ci abbiano conquistati vi abbiamo già parlato. Ma è con gran piacere che ve ne riparliamo in occasione del lancio di I am a dream, il primo profumo realizzato da Sarah, unica profumiera o come si dice nell’ambiente “naso” del sud Italia.

Il sogno profumato di Sarah

Per ora non possiamo esserne inebriati di persona da questa nuova creazione della profumeria e dobbiamo accontentarci di ciò che una emozionata Sara ci ha raccontato della sua “creatura”.

A cominciare dal nome scelto per questa essenza: I am a dream, io sono un sogno, che racchiude la magia dei sogni, la dolcezza del passato e la forza del futuro, in una emozione che si fa anima e un mistero che diventa musica.

A questo punto siamo curiosi di sapere gli ingredienti di I am a dream, che già nella sua descrizione coinvolge diversi sensi, non solo l’olfatto, e promette emozionanti sensazioni.
Perché c’è sempre una storia dietro a un profumo. Anzi due, perché non sempre quella immaginata dal creatore coincide con quella percepita da chi la fragranza la vive.

Sara snocciola le materie prime naturali che ha utilizzato uno dopo l’altro, ma si guarda bene dallo svelarne i dosaggi: Ylang Ylang, Ambra Grigia, Cedro del Libano, Patchouli indonesiano, Olibano di Punt e Crocus sativus. Il risultato è frutto di vari esperimenti con droghe e spezie sparpagliate sui tavoli di marmo pronte per essere mescolate, pestelli che le schiacciano per liberare il profumo che arriva alle narici frizzante e sofisticato al tempo stesso. E, finalmente, nasce I am a dream, opera prima di Sara, che ce lo descrive così: evanescente e intenso, misterioso e reale, inquietante e rassicurante. Un profumo le cui spire procurano ebbrezza, voluttà, sensualità.

Olfattoteca

Sara rincorreva da tempo questo suo sogno, da quando con grande impegno seguiva i corsi di formazione di Martino Cerizza, il più grande “naso” (ovvero profumiere) d’Italia. Anche se per creare I am a dream ci spiega che non ha seguito tecniche “tradizionali” come il modello a piramide, con la percezione dei componenti in sequenza nella caratteristica testa-cuore-fondo, né quella a stella dove le note vengono percepite in contemporanea. Ha seguito una tecnica tutta sua, che definisce a onde e che permette alle note del profumo di essere presenti durante tutto l’arco della giornata: si aprono e si chiudono, ma non si perdono mai.

Del resto realizzare una sua essenza è stata la naturale conseguenza della sua attività presso l’Olfattoteca di Tuglie che non è una semplice profumeria, ma un vero e proprio museo di odori e di fragranze sofisticate e ricercate dove in bella mostra nelle teche ci sono essenze preziose e meravigliosi flaconi.

I am a dream

E dopo aver creato essenze personalizzate e “su misura” per molti dei suoi affezionati clienti traducendo ciò che sente in un unicum di note profumate, Sarah Teresa Toma ha dato vita alla sua che, naturalmente, non vediamo l’ora di poter annusare! Adesso più che mai dato che l’olfatto è il senso che riesce meglio a trasportarci in luoghi dove la nostra memoria ha custodito i ricordi e di conseguenza a farci viaggiare attraverso le emozioni anche senza muoverci da casa.

Olfattoteca
Via Plebiscito 5, Tuglie (Le)
+39 0833 596742

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

Scopri Bibibau con noi

SEGUICI SU

5,423FansLike
10,747FollowersFollow
319FollowersFollow
1,023FollowersFollow
3,696FollowersFollow
39SubscribersSubscribe

PROVATE DA NOI

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here