Prosegue la stagione di prosa 2017 del Teatro Paisiello di Lecce promossa da Comune di Lecce (Assessorato alla Cultura Assessorato Turismo, Marketing Territoriale, Spettacoli ed Eventi) e Teatro Pubblico Pugliese: sabato 21 gennaio alle 21,00 nell’ambito del Progetto NEXT, la compagnia milanese Oyes teatro porta in scena lo spettacolo “Vania” da Zio Vanja di Anthon Cechov con l’ideazione e regia di STEFANO CORDELLA per una drammaturgia collettiva con interpreti Francesca Gemma, Vanessa Korn, Umberto Terruso, Fabio Zulli.

Il secondo appuntamento di teatro a 99 centesimi, rassegna ideata e magistralmente diretta sempre da Carla Guido, è invece domenica 22 gennaio alle 18,30 con la compagnia Malaria in “Sarto per signora” di George Feydeau con la regia di Marco Antonio Romano.

Il primo spettacolo prende spunto da una lettera in cui Anton Cechov sottolinea che “Tutti, finché siamo giovani, cinguettiamo come passeri sopra un mucchio di letame. A vent’anni possiamo tutto, ci buttiamo in qualsiasi impresa. E verso i trenta siamo già stanchi, è come dopo una sbornia. A quarant’anni poi siamo già vecchi e pensiamo alla morte. Ma che razza di eroi siamo? Io vorrei solo dire alla gente, in tutta onestà, guardate come vivete male, in
che maniera noiosa. E se lo comprenderanno inventeranno sicuramente una vita diversa, una vita migliore, una vita che io non so immaginare”.

Ed è proprio dalla stessa pervasiva sensazione di stagnamento e immobilismo che nasce la necessità di questo lavoro. Come la maggior parte dei trentenni anche i nostri ospiti si ritrovano in un limbo poco rassicurante e per non sentire il vuoto tentano di sottrarsi al rischio di sopravvivere galleggiando nel “letame”.

“Sarto per signora” rappresenta per Georges Feydeau il suo esordio come drammaturgo. In questa brillante commedia, considerata uno dei capolavori della letteratura francese, c’è già tutto l’estro e lo stile di Feydeau. La trama è basata sul classico triangolo adulterino: lui, lei,
l’altro o l’altra, ma soprattutto, quello che non manca mai, è il concentramento di tutti i personaggi in un solo luogo, dove si incontrano tutti quelli che non si sarebbero mai dovuti incontrare, mariti, mogli, amanti, amanti dei mariti, amanti delle mogli. Questo è il segreto e anche la forza di Feydeau. Al centro di molte opere dell’autore c’è la coppia coniugale, in cui si consumano tradimenti, ipocrisie e malintesi, con una serie di situazioni imbarazzanti e divertenti che faranno appassionare lo spettatore a questa brillante e geniale storia.

Info:
teatropaisiello@gmail.comwww.comune.lecce.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here