donne-e-impresa

Offrire alle donne un confronto con modelli di riferimento femminili di successo. È questo l’obiettivo della prossima iniziativa della FIDAPA BPW Italy – Sez. di Corato che, attraverso il women-made, punta alla promozione e alla valorizzazione dell’imprenditoria femminile in tutte le sue variegate sfumature.

In mostra, dal 1 al 4 dicembre 2016 presso il Museo della Città e del Territorio di Corato, vi saranno tante imprese di donne che operano nei settori delle industrie creative (design, architettura, pubblicità e comunicazione, artigianato), di quelle culturali, delle arti visive e sceniche, accomunate dall’aver interpretato una propria passione e capacità in chiave imprenditoriale. Un’imprenditoria tutta al femminile pronta a promuovere il nostro territorio e la sua crescita culturale, sociale ed economica, proprio nella “casa”, il museo cittadino, della sua storia e del suo progresso.

L’esposizione sarà inaugurata nel corso di un convegno in programma giovedì 1 dicembre alle ore 18.00, presso il Museo cittadino. L’evento sarà aperto dalla presidente della FIDAPA BPW Italy – Sez. di Corato Angela Quinto e dai saluti del sindaco di Corato Massimo Mazzilli e dalla responsabile di gestione per la Soc. Coop. Sistema Museo Marilena Torelli. Relazionerà sul tema Emiliana Trentadue, referente per il Distretto Sud-Est della FIDAPA BPW Italy della Task Force Entrepreneurship.

Gli interventi, moderati dalla giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Rosalba Matarrese, saranno affidati a Luciana Gramatica (commercialista, esperta in finanziamenti agevolati), Marina Corazziari (jewellery stylist, art curator talento 2015/2017 FIDAPA BPW Italy Distretto Sud-Est), Rosalia Chiarappa (giornalista e blogger), Claudia Lerro (attrice, regista della scuola di arti sceniche “Teatrificio 22”). Le conclusioni saranno a cura di Rosa Vulpio, vice-presidente per il Distretto Sud-Est FIDAPA BPW Italy.

Il tema nazionale promosso dalla FIDAPA BPW Italy in questo biennio (“I talenti delle donne: una risorsa per lo sviluppo sociale, economico e politico del nostro Paese”), sta offrendo a tutte le sezioni la possibilità di confermare la capacità delle donne di fare la vera differenza e di come sia possibile, per passione e per talento, creare momenti di eccellenza al femminile nei vari campi, malgrado tutti gli ostacoli legati all’universo Donna.
I talenti femminili, infatti, nascono e crescono nella misura in cui le donne possono seguire le proprie passioni, i propri desideri. Quando, cioè, non sono costrette a vivere l’esperienza lavorativa dovendosi dividere tra il “dover fare” e il “dover essere”. La carenza di percorsi formativi adeguati, i problemi legati alla conciliazione dei tempi lavoro/famiglia, la scarsa riconoscibilità costituiscono spesso i grandi ostacoli per le donne al corretto svolgimento della propria professione che, tuttavia, continua ad essere alimentata dal forte impegno personale, dall’intuito, dalla flessibilità e dallo spirito di collaborazione familiare.

«Questa iniziativa – sottolinea la presidente Angela Quinto – è stata fortemente voluta dalla Sezione di Corato al fine di convincere le donne, in questo periodo storico di crisi, sulla necessità di rendere la propria vita soddisfacente creando una propria professionalità capace di creare profitto. Avere tenacia, coraggio, passione, sensibilità e coerenza, capacità di ascolto, professionalità, empatia, sono ritenute le modalità necessarie per riuscire ad essere imprenditrice. Ma a tali aspetti deve affiancarsi la conoscenza degli strumenti finanziari a favore delle donne, utili alla realizzazione dei loro progetti e dei loro sogni».
Ed uno dei sogni delle socie della sezione di Corato troverà presto concretezza.

Al termine del convegno, infatti, saranno presentati gli elaborati ammessi al concorso per la realizzazione della prima Little Free Library cittadina, soggetti per l’occasione anche al voto della giuria popolare, che potrà esprimersi nel corso dell’intera serata come da indicazioni presenti sul bando.
Seguirà la premiazione del vincitore del concorso, già individuato da una giuria tecnica composta dai referenti delle associazioni coinvolte nel progetto (ArCo, FIDAPA, FOS), a cui spetterà la realizzazione della piccola libreria.
«Sarà una serata ricca di emozioni – conclude la presidente Quinto – e che vedrà la conclusione di progetti messi in campo dalla sezione già da diversi mesi. Tra questi, grazie alla collaborazione della cantina sociale Terra Maiorum, e alla sensibilità del suo presidente Pasquale D’Introno, la realizzazione di una bottiglia di vino bombino nero con etichetta “FIDAPA”, creata per l’occasione della socia artista Beatrice Capozza. Parte del ricavato ottenuto dalla vendita della bottiglia sarà devoluto al progetto “Win Welcome In”, sostenuto dalla Confraternita Santissimo Sacramento di Corato e gestito dalla Caritas diocesana insieme all’impresa sociale Terre Solidali di Trani, in favore di donne minorenni straniere emigrate dai Paesi dell’area mediterranea».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here