Pasqua con Serapia

0
51
rospo-smeraldino

Tra venerdì e lunedì di Pasqua la Cooperativa Serapia organizza interessanti passeggiate tra arte, storia e natura. Si parte venerdì 25 marzo dall’Agriturismo La casa degli uccelllini dove dalle ore 17,00 si va a spasso nella campagna di Martina Franca, tra seminativi e boschi, fino alle fogge di Lamianuova, dove ogni anno, in primavera, fanno ritorno i rospi smeraldini.

Le fogge di Lamianuova sono cisterne a cielo aperto che ospitano anfibi rari e preziosi della Murgia come rospi comuni, rospi smeraldini e tritoni italiani. La passeggiata si svolgerà dal tramonto alla sera ed è adatta per bambini ed adulti. Alle fogge si potranno ascoltare i canti dei rospi smeraldini, si osserveranno le uova e i girini, e con l’ausilio di un retino si potranno vedere anche i tritoni italiani.
L’iniziativa si svolgerà in collaborazione con il WWF Trulli e Gravine e con l’azienda agricola “La casa degli uccellini” e si concluderà con degustazione sotto le stelle a base dei prodotti biologici aziendali come il grano Senatore Cappelli e i ceci. Saranno preparati cavatelli con ceci neri, farinata di ceci neri con mandorle, pane casereccio Senatore Cappelli con salse di ortaggi e ciambella.

Informazioni utili
Itinerario lungo circa 3 km e di bassa difficoltà.
Appuntamento ore 17.00 presso “La casa degli uccellini”, raggiungibile dalla S.P. 53 Martina Franca – Mottola (N 40° 42.054′ – E 17° 14.395′). L’attività concluderà alle ore 21.00 circa.
Un’attenzione particolare sarà riservata all’impiego di piatti e bicchieri in amido di mais, posate di legno e tovaglioli di carta riciclata o certificati FSC, ossia ottenuti da foreste gestite in maniera sostenibile.
Si consiglia di portare una torcia, di indossare scarponcini (meglio se stivaletti per avvicinarsi allo stagno) ed abbigliamento comodo e caldo.
La quota di partecipazione, comprensiva della degustazione, è di 15 euro a persona (8 euro i bambini fino a 12 anni).

Sabato 26 marzo alle 10,00, invece, la passegiata si svolgerà in compagnia degli asini di Martina Franca, in una masseria del Parco Terra delle Gravine, tra la Murgia e il mare.
Si potranno conoscere da vicino i simpatici asini di Martina Franca, nella meravigliosa cornice di masseria Russoli, dove la Regione Puglia porta avanti il prezioso impegno di conservazione del patrimonio genetico di questa pregiata razza asinina.
Si accarezzeranno gli asini, si potranno conoscere le loro abitudini e il loro valore storico e culturale. Animali mansueti, curiosi, intelligenti, per la loro rusticità sono stati esportati in tutto il mondo e sono stati impiegati, in particolare, per la produzione di muli.
Poi si potranno esplorare l’aia, lo iazzo e lo splendido oliveto monumentale della masseria, dove i cespugli di macchia mediterranea abbracciano, in un delicato equilibrio, i contorti e scultorei tronchi di olivo.
Info e dettagli
Percorso di bassa difficoltà, lungo circa 1,5 km. Conclusione alle ore 13.00.
​​Appuntamento ore 10.00 a Masseria Russoli (N 40°37,918′ – E 17°16,506′), raggiungibile dalla S.P. Crispiano – Grottaglie. ​
Si consiglia di indossare scarpe da ginnastica e abbigliamento comodo, e di portare la fotocamera.
Quota di partecipazione di 6 euro (3 euro i bambini da 6 a 10 anni).

Sempre sabato alle 17,00 si svolgerà una passeggiata guidata a Martina Franca, tra i vicoli e le piazze del suo elegante centro storico, per riscoprire le tradizioni pasquali.
Un pomeriggio da trascorrere tra mascheroni apotropaici, eleganti conchiglie e foglie d’acanto ricavate nella pietra calcarea, tra strade, vicoli e piazze del centro storico di Martina Franca. Sarà l’occasione per riscoprire le antiche tradizioni pasquali, dalla tinteggiatura delle case a latte di calce alla quarantena, dai cavaddistre e pucciatidde, dolci tipici martinesi, ai riti della Settimana Santa.
Palazzi signorili, fregi settecenteschi, chiese riccamente decorate impreziosiscono come gioielli la città della Valle d’Itria: la chiesa di San Domenico con l’annesso chiostro quattrocentesco e l’imponente Basilica di San Martino dal vertiginoso prospetto rococò. Nella basilica sono custodite le reliquie di Santa Comasia, di esclusiva devozione martinese, e la singolare statua lignea della Madonna Pastorella, di provenienza spagnola, e che ricorre in numerose edicole votive del borgo antico.
E, ancora, la chiesa di Santa Maria della Misericordia, sconosciuta ai più e ricavata all’interno del convento delle Monacelle, dove si rinnova da secoli la devozione per il Volto Santo di Gesù.
Per finire con la trecentesca chiesa di San Nicola in Montedoro, ritenuta la più antica della città ed arricchita da affreschi seicenteschi.
La passeggiata concluderà con il falò organizzato in occasione dello sparo della quarantena, fantoccio appeso tra le strade del borgo antico e rappresentativo della Quaresima, per augurare il passaggio dall’inverno alla rinnovata primavera.
Info e dettagli
Appuntamento ore 17.00 presso l’arco di Santo Stefano in piazza XX Settembre di Martina Franca (N 40°42,284′ – E 17°20,353′).
La passeggiata concluderà alle ore 19.30.
Quota di partecipazione di 6 euro a persona (3 euro i bambini da 6 a 10 anni).

Per la Pasquetta Cooperativa Serapia propone la passeggiata nel Parco Dune Costiere tra Fasano e Ostuni con un’escursione volta alla scoperta della biodiversità, dagli oliveti monumentali verso il mare.
Partendo dall’Albergabici – Casa del Parco Dune Costiere si attraverseranno pascoli, campi di grano, piccoli canyon, giungendo sino al mare, percorrendo le dune fossili ricche di colorate orchidee selvatiche.
Al di là dei pascoli, ci sarà fiume Morelli, piccola zona retrodunale importante per gli uccelli acquatici migratori e per l’uomo che da secoli la utilizza per la pesca al cefalo e all’anguilla.
Dopo aver salutato alcuni ginepri secolari e aver consumato il pranzo al sacco nei verdi prati attorno al fiume, si passeggerà lungo la costa, scorgendo il faro di Torre Canne e Torre San Leonardo, per ripartire alla volta dell’entroterra con olivi scultorei dalle forme incredibilmente bizzarre e del dolmen di Montalbano lungo l’antica Via Traiana.
L’iniziativa è svolta in occasione della IX ed. della Giornata Nazionale delle Ferrovie NON DIMENTICATE di Co.Mo.Do. (www.ferroviedimenticate.it) ed in collaborazione con il Parco Dune Costiere e la cooperativa Gaia.
Info e dettagli
L’itinerario ha una lunghezza di circa 12 km e si svolgerà su strade brecciate, sentieri, lungo la spiaggia e alcuni tratti di strade asfaltate. Il percorso è di bassa difficoltà.
Appuntamento ore 10.00 all’Albergabici – Casa del Parco Dune Costiere (N 40° 46’44” – E 17° 28’60”) a Montalbano di Fasano, ex S.S. 16 Fasano – Ostuni km 870.
Pranzo al sacco a carico dei partecipanti in area attrezzata con panchine e bagni.
L’escursione concluderà alle ore 17.30 circa.
Si consiglia di indossare abbigliamento comodo e scarpe da trekking, e di portare la fotocamera.
Quota di partecipazione di 8,00 € a persona (4 euro i bambini da 6 a 10 anni).

Per tutte le passeggiate è preferibile la prenotazione, on line sul sito www.cooperativaserapia.it oppure telefonando al 366 5999514.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here