C’è tempo fino all’8 settembre 2018 per partecipare al contest dedicato all’Urban Art promosso dal XVI Festival della Letteratura Mediterranea, in programma a Lucera dal 21 al 23 settembre.

Il progetto del contest si sviluppa attorno all’idea di scambio tra Arte e Città e prende spunto dal tema scelto per questa edizione del Festival: “Segni di Ri-Conoscenza”.

Il dono, il sacro valore dell’ospitalità, il senso profondo del tendere verso l’altro. Le nostre comunità non possono dimenticarsene. Scambiarsi storie, mettere in comune racconti, sedersi alla stessa tavola e condividere acqua, pane, un po’ di ombra; questo movimento innato di apertura – di braccia, mani, orecchie, occhi, sguardi – genera segni, segni positivi perché capaci di farci conoscere meglio, di farci riconoscere l’uno nell’altro.

Il dono è un rito che, forse, vale la pena riconsiderare.

Ogni artista potrà mettere a disposizione la propria arte per la città, donando così una piccola espressione di sé.

«Questo contest vuole essere creatività che deborda, che diventa segno, invito, ponte e messaggio. Vogliamo trasformare Lucera in un museo a cielo aperto, utilizzando ogni linguaggio e forma espressiva – musica, teatro, fotografia, street art e performance artistiche – per abbattere stereotipi e realizzare incontri attraverso scritture e visioni comuni», dichiarano gli organizzatori del Festival della Letteratura Mediterranea che da ben 15 anni ospita e fa incontrare a Lucera artisti e intellettuali provenienti dai paesi del bacino Mediterraneo.

Il concorso prevede la selezione di 25 opere che verranno stampate su carta poster e saranno parte di un’installazione pubblica in pieno centro a Lucera, che prenderà il via durante le giornate del Festival.

La giuria che selezionerà le opere è composta da due tra gli street artist più interessanti in Italia – VladyArt (artista nato a Catania ma dai lunghi trascorsi in giro per l’Europa, attivo principalmente nell’arte urbana effimera, installativa, situazionista) e Massimo Sirelli (art e creative director, attraverso la prospettiva della strada impara a filtrare i linguaggi metropolitani: le scritte, la pubblicità, gli arredi urbani, i mezzi pubblici e i rifiuti, tutto diviene per lui ambiente di ricerca e sperimentazione) – e da Ivana De Innocentis, profonda conoscitrice del mondo graffiti e urban art.

Il concorso è aperto a tutti, senza limiti di età e/o provenienza geografica. La partecipazione è gratuita.

Saranno ammesse opere realizzate con qualsiasi materiale, mezzo e/o strumento (fotografia, grafica, illustrazione, pittura…) purché gli elaborati finali siano file digitali formato .jpg a 300 DPI e abbiano come tema principale quello del #XVIFestLettMed.

Per maggiori informazioni leggere IL BANDO.

Tutte le novità sul Festival sul SITO WEB e sui social dedicati:

Facebook | Twitter | Instagram

Tutti i video del Festival sono qui > YouTube

#XVIFestLettMed #SegniDiRiconoscenza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here