Anna Maria Di Gregorio

Per il secondo appuntamento con Buongusto… a casa la ricetta da riprodurre ai nostri fornelli ce la suggerisce Anna Maria Di Gregorio, che a Massafra ha gestito prima la cucina de Il Falsopepe e ora si occupa di Casina Trovanza.

Chi è

Anna Maria Di Gregorio si racconta.

Non nasco cuoca per lavoro, ma ho sempre dedicato tanto tempo alla cucina, prediligendo e utilizzando sempre, o quasi, le materie prime che generosamente ci mette a disposizione la nostra Puglia.

È diventato un lavoro nel 2004, per assecondare un pensiero di mio figlio Vincenzo. Così è nato a Massafra Il Falsopepe con Vincenzo in sala e io in cucina. L’incontro con Slowfood ha arricchito le mie conoscenze e ha alimentato sempre più l’amore per il cibo buono, pulito, giusto.

Attualmente seguo l’attività ricettiva di una piccola masseria sempre a Massafra, la nostra città: Casina Trovanza.

La sua ricetta: Arista di maiale all’arancia con salsa di scalogni

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di arista di maiale in un unico pezzo
4 scalogni
succo di 4 arance
la scorza di un’arancia, preferibilmente proveniente da agricoltura biologica
sale, pepe, olio evo
barbette di finocchio

Procedimento:

Mondare gli scalogni e affettarli sottilmente e poi versare in un tegame insieme all’olio extravergine d’oliva.
Massaggiare il pezzo di maiale con sale e pepe e quindi sigillare nell’olio caldo da ogni lato.
Premere le arance, sfumare con il succo e lasciar cuocere per 25 – 30 minuti, aggiungendo anche una scorza ben lavata. Se il succo delle arance fosse insufficiente aggiungere dell’acqua calda.
Una volta che il pezzo di carne sarà pronto, mettere in un piatto coperto da carta stagnola e far ridurre la salsa all’arancia fino a ottenere una consistenza morbida. Frullare il fondo di cottura.
Affettare l’arista, rimettere nel tegame e nappare con la salsa ottenuta frullando gli scalogni con il succo di arancia
Servire decorando con barbette di finocchio che, oltre a dare colore al piatto, conferiscono un delicato sapore in contrasto con la salsa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here