Vi ricordate? Di souvenir e ricordi di viaggio abbiamo già parlato (https://www.cittameridiane.it/i-nostri-souvenir/). E già sapete che i nostri preferiti sono quelli golosi e anche tutto ciò che realizzato in maniera artigianale ci porta alla mente un luogo in cui siamo stati.

Scegliete la vostra cartolina-souvenir

Ma ne riparliamo volentieri anche perché, secondo una recente ricerca, è di oltre 304 milioni di euro il giro di affari del commercio di chincaglieria, bigiotteria e articoli religiosi che rientrano nell’ambito del souvenir. E sono solo i dati ufficiali che non tengono conto di tutto ciò che è venduto ma non dichiarato. Insomma il mercato è florido e non conosce crisi. Nonostante le molte proposte in giro spesso al limite del kitch.

Personalmente, da collezionista incallita ho il frigo istoriato da calamite comprate direttamente da me o dono degli amici di ritorno da un viaggio e le mensole della libreria colme di boules de neige. Ricordi dei giri con la mia famiglia e dei miei parenti legati all’infanzia sono le bamboline con i costumi tipici: una collezione che per mancanza di spazio ho lasciato protetta dalla polvere in una vetrinetta a casa della mamma.

Inoltre, alcune collezioni di ricordini, come tappi e bicchieri di birra di tutto il mondo, sono ormai “dismesse” e giacciono chiuse in scatoloni giù in cantina. Ma di altre la “fissa” non mi è mai passata. Un esempio? Le papere di ogni forma e materiale, dalle piccolissime in vetro di Murano o in pasta di zucchero alle più voluminose ma leggerissime in cartapesta.

Le ho disseminate per casa e se ne trovo una particolare la compro subito! Ultimamente i miei campi di battaglia sono i mercatini di brocantage. Perché proprio le papere? Sicuramente perché mi piaccono e poi perché sono sinonimo di errore, di strafalcione, in senso sportivo ma anche giornalistico. Per me è un po’ come prendersi in giro da sola! E un po’ di autoironia non guasta mai.

Negli ultimi viaggi tendo sempre più spesso ad acquistare oggetti artigianali, dai più semplici a quelli pregiati, come il vetro di Murano, le ceramiche e tanti altri vanti nostrani. E pare che la tendenza attuale confermi questa scelta. C’è fermento in Italia tra designer e architetti che vogliono riqualificare il souvenir innestando un po’ di innovazione, anche utilizzando tecnologie 3D.

Foto dal sito www.granafertart.it

Esempi di ciò che ho comprato ultimamente e che è stato realizzato come materiale promozionale per la città di Brindisi sono le barchette in ceramica di Giorgio di Palma, ceramista di Grottaglie che propone le sue originalissime creazioni presso Granafert Art, dove si possono acquistare anche le miniature colorate del Monumento al Marinaio che svetta sul mare con i suoi 54 metri e a forma di timone, per commemorare tutti i marinai che hanno perso la vita durante i conflitti mondiali.

Si accettano suggerimenti per incrementare le collezioni di casa nostra con manufatti creati da artigiani locali che oltre a essere veri testimoni del territorio in cui si è ospiti, ne fanno crescere l’economia mantenendo vive le tradizioni.

Intanto stiamo pensando a cosa potremmo acquistare in Africa promuovendo l’economia locale attraverso il commercio solidale. La scelta è molto vasta tra opere d’arte e di artigianato, gioielli, abbigliamento, complementi d’arredo e prodotti di cosmesi naturali.

E, naturalmente, stiamo pensando anche alla cartolina-souvenir da spedire dalla nostra avventura in Tanzania a chi deciderà di aiutarci a realizzare il nostro sogno. Come già sapete si potrà scegliere tra uno o più luoghi del nostro itinerario tra le foto postate sul blog relativamente alle tappe del viaggio. Quella che più vi piace, scelta al momento della donazione, diventerà il panorama della vostra cartolina!

Quella di oggi è la terza tappa di quello che potrebbe essere il nostro viaggio ritagliato su misura per noi dall’agenzia Agness Travel. Quello in foto è il Lago Natron nella Rift Valley africana, uno specchio d’acqua che nasconde un terribile segreto: contiene carbonato idrato di sodio, conosciuto appunto come natron, un composto naturale letale per la maggior parte degli essere viventi, che al suo contatto rischiano di restare letteralmente pietrificati. Un’altra particolarità è quella della sua colorazione che va dal rosa al rosso carminio sino all’arancio, con striature bianche superficiali dovute all’accumulo di sodio. Un solo animale è immune alla sua letalità: i fenicotteri rosa che vivono e si riproducono in questo ambiente dalle acque mortali.

Chi effettuerà una donazione da 5 euro riceverà a casa la cartolina dal luogo prescelto, chi farà una donazione da 10 euro due cartoline, chi donerà 15 euro avrà la possibilità di scegliere tre posti e ricevere tre cartoline e chi la farà da 20 euro la vedrà moltiplicarsi per quattro luoghi e relative foto. E tra poco sveleremo la sorpresa che abbiamo in serbo per chi deciderà di donare di più.

Regalaci l’Africa

50.00
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Per fare una donazione offline dobbiamo chiederti di seguire queste istruzioni:

  1. Effettua un bonifico intestato a: "Rosalia Chiarappa"
  2. Usa questo IBAN: IT18V0101041460100000001823
  3. Imposta come causale: "Contributo viaggio Africa"
  4. Inviaci una mail a cittameridiane@gmail.com notificandoci l'avvenuto bonifico.

 

Totale Donazione: €50.00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here