Naturarte, la mostra di Fabio De Marini a Gallipoli

Fino al 3 novembre al Castello le foto del medico-fotografo De Marini in collaborazione con Lions Club

0
129
naturarte

Proseguono con grande successo di pubblico le attività del Castello di Gallipoli, aperto e gestito dal 2014 dalla Società Orione con la direzione artistica dell’architetto Raffaela Zizzari e il coordinamento di Luigi Orione Amato.

naturarte-3

Dal 3 ottobre al 3 novembre (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 – chiuso il lunedì – ingresso 4 euro, ridotto 2 euro) le sale dell’antico maniero ospiteranno “NaturArte”, una mostra fotografica di Fabio De Marini, organizzata in collaborazione con Lions Club Gallipoli. Un cantico di ringraziamento alla natura: benché più volte calpestata, deturpata, violentata in mille modi dall’uomo, la Terra, nostra “madre benigna e pia”, continua a sostenerci con i suoi colori, i suoi sapori, i suoi profumi, che ci confortano l’animo. Classe 1954, nato a Gallipoli, da sempre diligente medico del pronto soccorso della città jonica. Appassionato di fotografia, ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali. Le venticinque foto in mostra sono quasi dei quadri, dove la vita e la natura sono rappresentate nella loro massima espressione nell’attimo prima della loro decadenza ultima, chiaro esempio di still life.

Dal luglio 2014 è stato reso fruibile un percorso di visita del Castello di Gallipoli che mira a ricostruire la storia della città e dell’antico maniero, senza alterarne il carattere e senza avere la pretesa di essere un restauro integrale del monumento che richiederebbe ben altre risorse per ritornare agli antichi splendori. Il castello si erge all’ingresso del borgo antico di Gallipoli, città da sempre fortificata e, per la sua posizione strategica, contesa. È circondato quasi completamente dal mare. Ha pianta quadrata con torrioni angolari, di cui uno poligonale. Nei periodi successivi furono effettuati numerosi interventi di ristrutturazione e fortificazione. I lavori più importanti vennero progettati dagli Aragonesi. Quando il Duca Alfonso di Calabria venne nel Salento tra il 1491 e il 1492, condusse con sé il celebre architetto militare senese Francesco di Giorgio Martini e volle che questi rinnovasse le fortezze salentine secondo i progressi dell’arte della guerra, che tendeva ad abbandonare la conformazione quadrilatera ereditata dal sistema romano per passare al pentagono. Il senese, non potendo demolire e ricostruire ex novo, ideò il “Rivellino” mediante il quale rese di forma pentagonale l’intero maniero. Prima dell’Unità d’Italia, quando nel 1857 il castello venne radiato dal Novero delle fortezze del Regno Borbonico, perse la sua funzione difensiva, ma mantenne e anzi intensificò la sua funzione civile e soprattutto commerciale. Durante il 1800 divenne deposito di sali e tabacchi, oltre che sede della Dogana nel 1882 e, successivamente, sede della 17^ Legione della Guardia di Finanza.

naturarte-1
Orari settembre dalle 10 alle 21, Aperto tutti i giorni.
Ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, Chiuso il lunedì.
Ingresso Intero 5 euro – Ridotto 3 euro (6-14 anni, oltre 65 anni, scolaresche,
diversamente abili e relativi accompagnatori, gruppi superiori a 20 unità, residenti)
Visita guidata di gruppo su prenotazione (in italiano, inglese o francese) gruppi € 80,00 + ticket d’ingresso; scuole € 60,00 + ticket d’ingresso
Info e prenotazioni info@castellogallipoli.itwww.castellogallipoli.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here