Filtrano le prime indiscrezioni sulle tappe italiane dell’Aquabike World Championship edizione 2017, il campionato mondiale di moto d’acqua organizzato e promosso da H2O Racing Ltd per conto dell’Unione Internazionale di Motonautica (UIM), il massimo organo a livello mondiale della motonautica e riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale CIO.

Sulle acque di due mari, Ionio e Adriatico, si sfideranno i campioni mondiali di questo sport che per il terzo anno entusiasmerà i pugliesi. Infatti, dopo Castro e Otranto, saranno Porto Cesareo e Vieste a ospitare le gare della Formula 1 del mare a bordo delle moto d’acqua. Noi saremo lì per raccontarvi in presa diretta i giorni speciali delle prove e delle gare che vivremo gomito a gomito con i piloti che si contenderanno i titoli a filo d’acqua.

Ma, intanto, abbiamo cercato di saperne di più su coloro che saranno i protagonisti delle future tappe italiane dei mondiali: la prima a Porto Cesareo dal 2 al 4 giugno con l’Aquabike World Championship Grand Prix of Italy che apre la stagione e poi l’Aquabike World Championship Grand Prix Of Mediterranean dal 9 all’11 giugno a Vieste sul Gargano.

Pierpaolo Sammartino, che per la società BeFree si occupa della comunicazione dell’evento, ci svela che quest’anno saranno ben trenta i team che parteciperanno e particolarmente importante sarà la tappa salentina in quanto in gara ci saranno non solo le categorie Runabout GP1, Ski GP1 e Freestyle ma anche quelle dell’unico evento UIM-ABP World Championship: Runabout GP2 e 3, Ski GP2 e 3 e Ski Junior. L’evento di Porto Cesareo vedrà coinvolti più di 120 piloti da tutto il mondo nelle spettacolari gare di inizio stagione 2017, che poi continuerà tra Cina ed Emirati Arabi Uniti.

In attesa di girare tra rombi e bolidi, in un tourbillon di cappellini e gadget dei team in gara, diamo un po’ di numeri. Gli avversari da battere, i detentori dei titoli nelle varie categorie sono: nello Ski Ladies la svedese Emma Nellie Ortendahl, nella SKI Division GP One lo spagnolo Nacho Armillas e nel Runabout l’esordiente Jorgensen Marcus, sui favoriti Al Abdulrazzaq Yousef, campione del mondo uscente, e l’ungherese Kasza Gyorgy.

Quest’anno, poi, tra i team provenienti da tutto il mondo, le new entry di Australia e Stati Uniti d’America e una larga partecipazione della Cina che si presenta nelle due tappe italiane agguerrita e pronta a posizionarsi sui più alti gradini del podio.

Protagonista come sempre sarà lo spettacolo: le moto che saltano, virano, schivano le boe, ma anche i muscoli che guizzano, le schiene che si inarcano, i tendini tesi nello sforzo. Decisiva la resistenza fisica in queste gare in cui si superano i 100 chilometri orari, ma anche agilità e carattere. Ma le parole non bastano per raccontare l’emozione di vedere dal vivo queste moto volanti: dovete esserci!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here