Non vi nascondiamo il nostro panico quando, su invito di Giulia e Martina creatrici del blog www.viaggioquandovoglio.com, siamo stati chiamati a stilare la lista delle 5 cose da mettere in valigia.

Gli irrinunciabili in viaggio

Solo cinque? Ci sembrano poche, pochissime! Ma in tempi di sottrazione, dovuti alle nuove regole di compagnie aeree quali Ryanair, viaggiare leggeri è diventato un obbligo. Quindi per superare il momento di smarrimento, abbiamo immaginato di dover partire in aereo, cosa che facciamo molto raramente perché amiamo viaggiare slow e in auto portandoci dietro il nostro cucciolotto.

Così abbiamo accettato la nomination, per cui ringraziamo Giulia e Martina, e vi postiamo quelle che per noi sono le 5 COSE IRRINUNCIABILI DA METTERE IN VALIGIA.

Dunque, dando per scontato che penna e bloc-notes, macchina fotografica, cellulari e carica batterie siano al di fuori di questa lista perché indispensabili, e riducendo all’osso ciò che generalmente ci portiamo dietro quasi senza limiti, non rinunceremmo a una giacca K-way leggera e con cappuccio per evitare di prendere acqua in testa negli spostamenti e per ovviare al peso degli ombrelli, che tra l’altro non amiamo e finiamo per lasciare in giro in ogni dove.

Nei nostri bagagli, poi, trovano sempre posto cuffie e costumi da bagno: non si sa mai anche d’inverno si può capitare in una spa con piscina!

Come terzo elemento inseriamo nella tasca della valigia una o più borse di tela dal peso piuma e che piegate non occupano spazio: perfette per contenere qualche souvenir acquistato all’ultimo momento oppure, non so se capita anche a voi ma a noi succede spesso, la roba sporca che appallottolata, per un mistero che non riusciamo a spiegarci, non entra più nella valigia che l’aveva “ospitata” pulita!

Acqua del Giglio

Per me poi, che ho una pelle molto delicata, è indispensabile portarmi dietro il mio beauty con i prodotti detergenti che uso quotidianamente perché utilizzando quelli messi a disposizione dagli hotel potrei rischiare di rovinarmi la vacanza (purtroppo mi è successo) per una fastidiosa dermatite.

Gallipoli

Ultimo ex aequo tra gli irrinunciabili le ciabattine, perché non tutti gli hotel ne forniscono, e il cappello, d’estate per ripararsi dal sole e durante la stagione più fredda per evitare freddo e vento.

Insomma, comunque non siamo stati capaci di contenerci e siamo ricorsi allo stratagemma del due in uno finale per poter rientrare, ma in realtà la lista sarebbe ancora lunga e per andar bene dovremmo arrivare almeno fino a dieci. Per soddisfare la vostra curiosità ecco quello che inseriremmo se ci fosse data la possibilità di raddoppiare: collirio, pashmina (tra l’altro indispensabile durante i voli), un paio di scarpe in più perché può sempre accadere un imprevisto come quella volta che mi si è rotta la cerniera degli stivali, il coltellino multiuso svizzero capace di risolvere un mucchio di problemi (sempre che non dobbiate viaggiare in aereo perché ve lo sequestrerebbero) e il kit ago e filo per ogni emergenza che chissà perché capita proprio quando si è fuori casa.

E ora tocca a voi:

Lemurinviaggio
Non viaggio abbastanza
I viaggi dei Mesupi
Viaggimperfetti
Destinazione Terra

Vi aspettiamo tutti sui nostri social Instagram, Facebook, Twitter e Pinterest!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here