“La mente umana è paragonabile a una farfalla che assume il colore delle foglie sulle quali si posa… si diventa ciò che si contempla”. Chissà se il dottor Francesco Sticchi sarebbe d’accordo con questa frase di Gustave Flaubert. Medico anestesista e rianimatore, è da sempre appassionato d’arte e artista egli stesso, tanto da decidere di creare un luogo non solo di incontro e di dialogo interculturale ma anche un laboratorio di sperimentazione di nuovi linguaggi espressivi.

Un viaggio tra i meandri della mente

Ma andiamo con ordine. Dal 16 al 25 novembre scorso a Maglie presso Fansinaptico – Fondazione per l’Arte e la Neuroscienze si è svolta una serie di conferenze pubbliche sul tema “Cervello e Creatività” che hanno fatto da supporto alla mostra di dipinti a olio di Alessandro Passaro.

cervello

Siamo stati presenti alla serata inaugurale in cui, oltre a essere catturati dall’affascinante argomento che ha ruotato intorno alle Neuroscienze e al loro rapporto con l’arte vista da una nuova prospettiva, siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla sede della Fondazione. Uno spazio che il dottor Sticchi ha fatto realizzare secondo i suoi desiderata che si sviluppa su tre livelli in un volume unico e collegato da una scenografica scala centrale che dal piano terra conduce ai piani superiori.

cervelloL’ingresso invita a entrare in un grande ambiente che comunica con la cucina mentre al secondo livello c’è il bagno, anch’esso spazio espositivo, e il letto-istallazione.

Questi due piani sono quelli adibiti a ospitare eventi, inaugurazioni e mostre d’arte, mentre al terzo livello si sviluppa l’abitazione del fondatore, il dottor Sticchi. Le opere d’arte e gli oggetti di design dell’interessante collezione sono al tempo stesso in dialogo e in opposizione tra loro e con l’ambiente circostante.

E creano una sorte di fondale interattivo alle conferenze pubbliche gratuite e aperte a tutti che due volte l’anno, in primavera e in autunno, vengono qui organizzate invitando un artista emergente a esporre le sue opere.

Così dopo le precedenti serate con relative mostre dedicate alla “Elaborazione cerebrale delle immagini visive”, alla “Memoria” e a “La sinfonia del cervello”, a metà novembre si è affrontato il tema della creatività. Partendo proprio da ciò che si intende per creatività. Prima di continuare un inciso: non è un caso che nel testo siano usati termini come partenza o che il post sia inserito nella rubrica travel. Perché quello che abbiamo affrontato con la guida del dottor Sticchi è stato davvero un viaggio tra i meandri della nostra mente che ci ha permesso di uscire dagli schemi del pensiero normale giungendo a nuovi punti di vista attraverso delle vere e proprie “mappe mentali”.

Le definizioni di creatività sono andate sommandosi nel corso degli anni, ma il concetto centrale è rimasto sostanzialmente invariato, perché si parla di immaginazione, genio, idea, tutti sinonimi per definire una proprietà umana unica e fondamentale. Cartesio citava “La ragione non è nulla senza l’immaginazione”, Abraham Lincoln diceva “Nella sua grandezza, il genio disdegna le strade battute e cerca regioni ancora inesplorate”Victor Hugo “Niente al mondo è così potente quanto un’idea della quale sia giunto il tempo”. Ma è a Picasso che Sticchi fa riferimento, per collegare la creatività al nostro cervello, citando la sua celebre frase: “Tutti i bambini sono degli artisti, la cosa difficile è restarlo da adulti”.

cervello

L’artista è dunque un eterno fanciullo? La risposta sta nelle tele di Alessandro Passaro che dipinge essenzialmente ciò che immagina, destrutturando la realtà e allo stesso tempo stimolando in noi la meraviglia che incide sul sistema limbico, in modo tale che l’arte ci possa dare il piacere creativo per sviluppare nuove prospettive. Conclusione? Lo sviluppo creativo è un viaggio che allarga la conoscenza e il sapere di tutti. Ogni cosa può essere guardata da varie angolazioni, tutto sta nell’imparare a vederle. Magari con il supporto degli incontri organizzati a Maglie dal dottor Sticchi presso la sua Fondazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here