Voglia d’Italia 2: Piemonte

I viaggi di domaniVoglia d’Italia 2: Piemonte
spot_imgspot_imgspot_img

Il Piemonte è la regione protagonista del secondo spot celebrativo che vogliamo dedicare all’Italia. Ci siamo stati un po’ di anni fa. Incentivo per raggiungere Alba e le Langhe fu allora la Fiera del Tartufo, ma nell’occasione visitammo parecchi borghi spingendoci fino a Carrù, la città del Bue Grasso, e raggiungendo anche Torino.

Langhe, Roero e Monferrato

Ma abbiamo sempre pensato di tornare per approfondire la conoscenza dei magnifici scenari delle Langhe, del Roero e del Monferrato, dichiarati Patrimonio dell’Umanità.

langhe

langhe

Il paesaggio compreso in queste aree può trarre in inganno. Perché tra filari, boschi e orti fra le colline sormontate dagli slanciati cipressi si può pensare di essere in Toscana. Avvicinandosi però si scopre che i boschi sono di noccioli e che le viti qui coltivate sono barbera, nebbiolo e moscato. A conferma che si è in Piemonte poi sono gli odori: tra l’autunno e l’inverno intenso è il profumo di funghi e tartufi, ma anche di bolliti misti, brasato, bagna cauda. Ognuno un motivo in più per programmare la visita a questo territorio dominato da piccoli borghi e castelli, sentinelle sulle vigne ordinate.

piemonte
Foto di Matteo Marongiu @lascimmiaviaggiatrice

Punto di partenza potrebbe essere Acqui Terme, piccolo centro famoso soprattutto per la Bollente, la sorgente di acqua sulfurea a 70-75 gradi che sgorga proprio nel mezzo della piazza principale, dalla quale si ammirano anche le grandiose rovine di un acquedotto romano d’epoca augustea, e la più grande piscina termale d’Europa, di ben 6500 metri quadri.

Ottima per curare reumatismi e insufficienze epatiche, l’acqua viene ora utilizzata anche per cure estetiche al viso e al corpo. Ed ecco un’altra buona ragione per raggiungere questo borgo dalla lunga e interessante storia. Con una passeggiata nel borgo Pisterna, uno dei quartieri più antichi, ci si rende conto che il centro storico ha conservato le sue strette vie in acciottolato su cui si affacciano portali barocchi e case dalle bifore quattrocentesche. Obbligatorie le visite al Duomo e al Museo archeologico con parecchi reperti romani e che ha sede nel castello dei Paleologhi.

Foto dal sito Pixabay.com

Proseguendo tra boschi di acacie e noccioli e vigneti si arriva a Canelli capitale del Moscato d’Asti e dello spumante. Ma qui si fa anche un’ottima Barbera, una delle migliori della regione, che nasce sulle colline che compongono uno dei paesaggi tra i più antichi dell’Italia del nord, frutto di un’attività secolare di generazioni contadine.

Foto dal sito Pixabay.com
Foto dal sito Pixabay.com

Fra i prodotti tipici da portare a casa si trovano i grissini tirati a mano, gli amaretti di pasta di mandorla, i biscotti al cioccolato, la crema di nocciole. Per il tartufo si potrebbe andare nella vicina Nizza Monferrato, magari nella giornata di venerdì dove al mercato si trovano anche tutti i formaggi del territorio, dalle tomette di capra fresche e stagionate, che arrivano da Roccaverano e da Rocchetta, al saporito Castelmagno, al gorgonzola più cremoso.

E poi? Andare alla scoperta degli Infernot nella zona del Basso Monferrato, in cui sono tipiche queste vecchie cantine profonde diversi metri e scavate direttamente in una particolare roccia simile al tufo.

torino

E prima di ripartire, dedicare qualche giorno a Torino per una visita al Museo delle Antichità Egizie con una collezione di oltre 5000 reperti, seconda solo a quella del Cairo. Preferite visitarlo con una guida esperta? Potete prenotare un tour con Civitatis in cui è possibile vedere anche il Tempio di Ellesiya, costruito durante il regno del faraone Thutmose III. Non siete curiosi di scoprire cosa lo rende così speciale? La guida sarà ben lieta di svelarvi questa e molte altre curiosità.

Per un giro completo della città il nostro consiglio è la visita guidata di Torino: un viaggio attraverso la storia della Prima Capitale d’Italia, tra chiese barocche, raffinate piazze e magnifici palazzi!

E per andare alla scoperta delle bellissime residenze che circondano la città adibite un tempo a palazzine di caccia e a residenze estive, cominciando dalla Reggia di Venaria Reale, un impressionante complesso di oltre 80.000 metri quadrati dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997. Nel corso della visita organizzata da Civitatis, vi saranno svelati tutti gli aneddoti curiosi legati a quest’elegantissima residenza sabauda. E continuando con il Castello di Rivoli, Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO e sede del Museo d’Arte Contemporanea.  
Torino Civitatis

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

Scopri Bibibau con noi

Scopri i prodotti Mediterrah

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

IJO’ Design è un brand salentino che fa realizzare artigianalmente mantelle, scialli e stole,...

Belle storie di penna

La penna è per me un fondamentale strumento di lavoro, perché da sempre preferisco...

Moskardin: appunti di viaggio

Moskardin è il nome di un elegante quaderno di viaggio di produzione artigianale e...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

  1. Grazie detto da voi il complimento è doppio! E dato che ci piacciono i luoghi particolari ci siamo segnati gli Infernot per la prossima volta… con un bicchiere di buon vino insieme a voi naturalmente! 🍷

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here