Voglia d’Italia 1: Friuli Venezia Giulia

Ripartiamo dal Friuli. Da sempre fan del nostro Paese, che abbiamo raccontato e continueremo a raccontare da nord a sud e a 4 gambe e a 4 zampe con i nostri amici pelosi, inauguriamo una serie di veri e propri spot celebrativi per risollevare la nostra cara Italia, alternando luoghi in cui siamo stati a zone che vorremmo visitare in un futuro che speriamo prossimo.

Tra borghi e boschi della Carnia

Friuli

Friulitour

Cominciamo da nord. Precisamente nord-est: dalla regione Friuli Venezia Giulia e da quei luoghi quasi nascosti che sono i borghi e le valli della Carnia. Certo non luoghi di passaggio: bisogna decidere di venirci per avere la possibilità della scoperta di fitti boschi, laghi color smeraldo e silenzi incontaminati. E di fiumi imponenti, come il Tagliamento, il fiume simbolo della Regione, sia per la lunghezza del suo corso, che per l’estensione del suo bacino, entrambi interamente compresi nei confini del Friuli.

Ponte di Pinzano

Friuli food

Noi ci siamo arrivati anche per il piacere della tavola che qui, tra questi borghi di case in pietra e prati sconfinati, ha conservato il sapore di altri tempi a base di ingredienti umili ma gustosi che abbracciano tre tradizioni gastronomiche: italiana, slava e austriaca.

Friuli food

Confessiamo che torneremmo volentieri in Friuli Venezia Giulia anche per questo perdendoci tra assaggi di cjarsòns, prosciutto e formaggi artigianali. Portando molte di queste golosità con noi come provviste, dopo gli inevitabili assaggi. Direttamente in una delle sedi produttive del Consorzio del Prosciutto di San Daniele, durante la visita con la signora Teresa, proprietaria insieme al fratello del prosciuttificio artigianale Prosciutti Coradazzi, abbiamo assaporato il celebre prosciutto col piedino prodotto esclusivo del Consorzio che, costituito nel 1961, associa tutti i produttori vigilando sulla corretta applicazione del Disciplinare di Produzione. Abbiamo assaggiato anche quello affumicato di Sauris, mentre ci riserviamo per la prossima volta di gustare quello prodotto a Cormons, piccolo borgo a un passo dalla Slovenia.

Friuli food

Friuli food

Ma questa volta passeremmo per la porta di accesso alla Carnia, la cittadina di Tolmezzo, il principale centro della regione, non mancando la visita al Museo carnico delle arti popolari, uno dei più importanti dell’arco alpino. Nel museo è ricostruita la storia della gente di Carnia attraverso raccolte di oggetti, mobili, utensili.

Friuli food

E per bere bene ci sposteremmo nei Colli Orientali del Friuli, patria di grandi vini, da abbinare a una o più delle 32 formule accreditate dalla dop per quei ravioli incredibilmente appetitosi che sono i cjarsòns. Anche se, come ci hanno spiegato la scorsa volta che siamo stati da queste parti, in realtà quelle preparate dalle massaie in ogni famiglia sarebbero più di un centinaio.

Friuli food

Friuli food

Dopo aver attraversato distese di prati, costellate di malghe che ospitano d’estate le mandrie, torneremmo a Sauris di Sotto, affacciata su un verdissimo lago. Abbiamo già provato l’esperienza Wolf, visitando l’azienda dove si producono artigianalmente splendidi prosciutti e prelibati salami, oltre che speck, pancette, salsicce e lardo dal profumo inebriante. E dove l’affumicatura viene praticata come cent’anni fa bruciando legna di faggio dei vicini boschi.

Dunque questa volta la meta sarebbe un’altra più civettuola e meno legata al palato. Sauris, conosciuto come il borgo più autentico della Carnia, riserva infatti una bella sorpresa: nel centro di Sauris di Sopra si trova un piccolo negozio che propone costumi tirolesi originali in lana, cotone, lino e seta. Da anni desidero un abito del genere che magari non indosserei, come non ho mai messo il sari in seta che i mei genitori mi portarono dall’India, ma mi piacerebbe tanto averne uno. Quando ci siamo stati purtroppo il punto vendita era chiuso e non ho potuto cogliere l’occasione ma ho segnato l’indirizzo!

Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

SEGUICI SU

5,320FansLike
10,747FollowersFollow
314FollowersFollow
1,023FollowersFollow
3,678FollowersFollow
40SubscribersSubscribe

PROVATE DA NOI

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

  1. Del Friuli Venezia Giulia ne abbiamo visitato soltanto la parte meridionale e ne siamo rimasti veramente incantati! Ci siamo ripromessi di tornare per immergerci nel meraviglioso patrimonio naturalistico e culturale del nord.

  2. Noi ci siamo perdutamente innamorati di questa regione! Gli spazi immensi tra verdi prati e montagne, i laghi color smeraldo, i fiumi imponenti: qui la natura non parla, urla! E poi è perfetta per chi come noi viaggia con un cane.
    La prossima volta vorremmo approfondire la zona a sud tra Trieste e Grado.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here