mercoledì, Ottobre 5, 2022

Quanta Italia a Cuba!

spot_imgspot_imgspot_img

 

Una delle cose che più ci ha sorpreso? Quanta Italia c’è a Cuba! E non parliamo del movimento turistico che comunque colloca il nostro popolo tra i primi estimatori e frequentatori dell’isola, ma della storia, dell’arte e della cultura italiana presenti sull’Isla Grande.

Italia e italiani a Cuba

A cominciare da Cristoforo Colombo che a Cuba sbarcò il 27 ottobre del 1492 rimanendo estasiato dalla sua bellezza.

Si devono all’ingegnere Giambattista Antonelli, giunto a L’Avana un secolo dopo il grande ammiraglio genovese, i progetti delle fortezze di San Pedro del Morro e la Punta, gioielli dell’architettura militare che sorgono sul mare come sentinelle e a difesa della baia della capitale cubana dove si riunivano le flotte spagnole con i loro carichi d’oro e argento, bottino bramato dai corsari inglesi, francesi e olandesi.

Antonelli costruì anche il Palazzo del Vescovo e completò l’opera della Zanja, il primo acquedotto de L’Avana che termina nel Callejón del Chorro, in Piazza della Cattedrale.

italia a cuba

Nel XIX secolo il contributo dell’Italia a Cuba si deve all’artista Giuseppe Gaggini che scolpì due delle fontane più rappresentative in città. La Fuente de la India o Estatua de la Noble Habana, vicibo al Capitolio all’inizio del Paseo del Prado, che rappresenta la capitale cubana e nella piazza del Convento di San Francesco d’Assisi la Fuente de los Leones, scolpita nel pregiato marmo di Carrara.

A Cuba visse anche Antonio Meucci, l’inventore del telefono prima di Graham Bell, come è stato riconosciuto ufficialmente. Vi si trasferì da Firenze nel 1835 per lavorare come tecnico del Teatro Tacón in cui la moglie Ester divenne responsabile dei costumi. Inoltre continuò le sue attività di ricerca sviluppando un nuovo metodo per la galvanica dei metalli che venne applicata agli equipaggiamenti militari cubani e un sistema di purificazione dell’acqua che rese potabile quella del teatro. Sempre sull’isola sperimentò un metodo che utilizzava brevi impulsi elettrici per la terapia del dolore attraverso un fenomeno chiamato fisiofonico che anticipò il primo sistema telefonico: fu proprio a L’Avana che Meucci lo concepì nel 1849, quando Alexaner Graham Bell aveva solo due anni.

Un altro italiano famoso approdato a Cuba fu Giuseppe Garibaldi, arrivato nel 1851 a bordo di una nave a vapore chiamata Georgia. All’Eroe dei Due Mondi fu chiesto di unirsi alla causa cubana e di guidare l’insurrezione contro la dominazione spagnola. Ma i tempi non erano ancora maturi e quando la situazione mutò un decennio più tardi Garibaldi era impegnato a liberare l’Italia. A ricordo della sua presenza c’è una targa commemorativa in marmo nel Museo situato nel Palacio de los Capitanes Generales donata dal Comune di Roma nel giugno del 1982.

Sull’isola, a Santiago de Las Vegas, il 15 ottobre 1923 è nato Italo Calvino, figlio primogenito di Mario, agronomo e titolare della cattedra di agricoltura di Porto Maurizio, attuale Imperia, e di Giulia Luigia Evelina Mameli, discendente di Goffredo Mameli e prima donna in Italia a ricoprire una cattedra di botanica.

Dal Messico, dove risiedette tra il 1909 e il 1917, il padre si spostò a Cuba per dirigere la Stazione sperimentale di agricoltura a L’Avana. Così lo scrittore nacque su suolo cubano ma non ne aveva ricordi dato che già nel 1925 la famiglia si trasferì a Sanremo, dove il padre era stato nominato direttore della stazione sperimentale di floricoltura Orazio Raimondo. Vissero presso Villa Meridiana dove vennero introdotte nel vasto giardino piante esotiche come l’avocado, la papaya, la guayaba, il pompelmo rosa: ai Calvino Mameli si deve la trasformazione di Sanremo in «città dei fiori».

italia a cuba

Facendo un salto nel tempo di trenta anni, ci ha sorpreso molto scoprire che l’unico europeo a partecipare allo sbarco del Granma insieme al Che ai piedi della Sierra Maestra nel 1956 fu un italiano: Gino Donè originario della provincia di Treviso.
Gino arrivò a Cuba nel 1951 imbarcandosi clandestinamente sulla nave “Sibilla” partita dal porto di Amburgo. A L’Avana trovò lavoro come falegname e carpentiere nella costruzione della Plaza Civica, l’attuale Plaza de la Revolucion, conversando nelle pause con gli studenti e chiacchierando con uno scrittore americano che conosceva bene le sue terre perché ci aveva combattuto durante la Prima Guerra Mondiale: Ernest Hemingway.

Per lavoro poi si spostò a Trinidad de Cuba dove si sposò e conobbe Aleida March de la Torre, futura seconda moglie di Che Guevara. Si avvicinò così al Partito Ortodosso Cubano capitanato dal giovane avvocato Fidel Castro Ruiz diventando grande amico di Ernesto Guevara de la Serna. Fu così che il 25 novembre del 1956 si unì agli 82 guerriglieri rivoluzionari al comando dei fratelli Fidel e Raul Castro e del Che: erano tutti cubani tranne lui, l’argentino Guevara, il messicano Alfonso Guillen Zelaya Alger e il dominicano Ramon Emilio Mejias Del Castillo.

Già questa sarebbe una notizia interessante ma c’è dell’altro, perché fu El Italiano che salvò la vita a Che Guevara che dopo lo sbarco ebbe un forte attacco d’asma e non aveva con sé le medicine lasciate in Messico. La moglie di Gino soffriva d’asma per cui Donè seppe subito come intervenire praticando un energico massaggio al torace del medico argentino. L’anno dopo fu costretto a lasciare Cuba andando in Florida e non vi fece più ritorno. Ma non è mai stato dimenticato dai suoi companeros tanto che ai suoi funerali avvenuti in Veneto dove era tornato nel 2003 intervennero rappresentanti dell’Ambasciata cubana con 4 corone di rose rosse: “A Gino da Fidel Castro Ruz. A Gino da Raul Castro Ruz. A Gino dall’Ambasciata di Cuba. A Gino dai suoi Compagni del Granma”.

Di Hemingway, che Donè conobbe di persona, e del suo periodo cubano parleremo in un altro post ma qui merita un accenno la breve visita a Cuba nel 1951 di Adriana Invancich, colei che è considerata la sua musa italiana e che alloggiò insieme a sua madre Dora Betti nell’alta torre bianca della Finca Vigía.

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

spot_img

Scopri Bibibau con noi

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here