Normandia coup-de-coeur

Fuori rottaNormandia coup-de-coeur
spot_imgspot_imgspot_img

 

Normandia e Bretagna le abbiamo raggiunte dopo 8 giorni di viaggio e 1650 chilometri di strada, senza contare le deviazioni. Ci siamo fermati una settimana al limite settentrionale della Francia sulla Manica tra Ploumanac’h, il punto più lontano sulla Costa di Granito Rosa in Bretagna, e Mont Saint-Michel, sull’omonima baia.

Charme normanno tra campagna e mare

Certo sette giorni sono pochi e ce ne volevano almeno il doppio per conoscere le tradizioni normanne e bretoni, la storia di queste terre di confine, la gastronomia e le bellezze naturali. Ma abbiamo comunque portato con noi ricordi indelebili. E l’incanto, che è la buona vita che si svolge da queste parti, in questa terra di meraviglie sospese tra cielo e acqua che desideravamo visitare da tempo.

Normandia

Personalmente sognavo di ripercorrere i passi di Proust da quando più di 30 anni fa ho letto La Recherche: non sono riuscita questa volta a immergere la mia madeleine negli stessi luoghi perché il nostro giro in Normandia ha compreso altre zone. Ma ho la scusa per tornare ancora. E ancora…

Perché come si può intuire già dalle prime righe di questo articolo dedicato alla Normandia, questa regione francese ci ha rubato il cuore.
Le strade della Normandia che abbiamo percorso per arrivare alle sue coste in faccia al vento della Manica sono quelle più verdi, tra i suoi oltre 350mila ettari di foreste e boschi e i 600mila ettari protetti in parchi naturali.

Normandia

Ci siamo fermati nel dipartimento dell’Orne, paese di cavalli e di castelli, nella Bassa Normandia a Le Hameau de la Fouquière ospiti di Pierre Calleja e della sua famiglia, in un tipico villaggio della zona ricca di bellezze naturali e bei borghi autentici.

Un po’ lontani dai luoghi in cui ci eravamo ripromessi di andare, dalle scogliere di Etretat al pittoresco porticciolo di Honfleur, da Cabourg del romanzo “All’ombra delle fanciulle in fiore” di Proust a Deauville, la spiaggia più glamour. Ma il rovescio della medaglia è stato che abbiamo scoperto una Normandia meno conosciuta con un mosaico di paesaggi che tolgono il fiato e un patrimonio architettonico che evoca un ricco passato, tra allevamenti di cavalli e scenari che ricordano quelli svizzeri, tanto da prendere il nome di Suisse Normande.

Nei pressi della casetta che ha accolto noi e il nostro Otto due chicche da non perdere. La prima è il Castello di Carrouges che, costruito durante la guerra dei Cent’anni come piazzaforte di frontiera tra la Normandia e il Maine, ospitò personaggi illustri come Caterina de’ Medici e il re Luigi XI che vi soggiornò nel 1473.

La seconda è il borgo di Bagnoles de l’Orne, l’unica stazione termale nel Nord- Ovest della Francia che ci è piaciuta per la sua atmosfera tranquilla e un po’ d’antan con i suoi palazzi e le sue ville Belle Époque.

Imperdibili le visite più gustose! La Normandia è la regione del Sidro, del Calvados e del Camembert. Ne parliamo in modo più approfondito in #Buongusto anticipando che non ci siamo sottratti ad assaggi vari di Cidre, Poiré e Calvados e del re dei formaggi francesi che nasce proprio nella zona dell’Orne.

Normandia

Sulla strada per raggiungere le spiagge dello sbarco, consigliatissimo un giro a Bayeux, cittadina medievale Patrimonio Unesco miracolosamente risparmiata dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale e una delle prime liberate dal nazismo dalle forze alleate in Normandia.

Normandia

Famosa per l’arazzo di età medievale più lungo del mondo che racconta l’invasione dell’Inghilterra da parte dei normanni, vanta una splendida cattedrale, grandioso esempio di architettura gotica normanna considerata una delle più belle di Francia. Consacrata nel 1077 alla presenza di Guglielmo il Conquistatore e la regina Mathilde, ha una stupenda facciata a 5 portali, interni illuminati da meravigliose vetrate colorate e una suggestiva cripta con magnifici dipinti del XV secolo perfettamente conservati. Dopo le visite è stato bello perdersi negli stretti vicoli tra le case a graticcio del centro storico fermandosi per una pausa dolce a base di èclair.

Normandia

Arrivare sulla Omaha Beach in una giornata di sole e guardare il mare all’orizzonte e la larga fascia di sabbia dorata ci ha fatto uno strano effetto: chiudendo gli occhi ci sono sovvenute in mente le immagini di una delle più sanguinose battaglie viste nei tanti film che hanno raccontato lo sbarco alleato del 6 giugno 1944 durante l’operazione Overlord su queste spiagge comprese fra l’estuario del fiume Orne e le coste orientali della Manche.

Normandia

Normandia

Oggi sono una sorta di grande museo a cielo aperto, l’Espace Historique de la Bataille de Normandie, che comprende oltre alle spiagge, i musei e i luoghi della memoria legati al D-Day. L’area più commovente è quella dei cimiteri di guerra, da quello americano di Colleville-sur-Mer con 9.386 croci e stelle di David in marmo bianco allineate di fronte alla spiaggia di Omaha a quello tedesco della Cambe.

Normandia

Un altro tipo di commozione è stata quella provata al cospetto dell’Abbazia di Mont Saint-Michel: è una straordinaria emozione quella di attraversare la grande baia a piedi proprio come facevano gli antichi pellegrini diretti al monte. Un gran finale per il nostro tour in Normandia che raccontiamo in un post dedicato.

Normandia

Per concludere: lo avete capito che siamo tornati a casa innamorati della Normandia, dei villaggi con le case a graticcio, le abbazie e i castelli nel verde, la campagna dolcissima di pascoli infiniti punteggiata di mucche e cavalli, i borghi e le maree. E già ci manca il suo incanto dall’autentico charme normanno, come mancherebbe a un uomo innamorato quello di una bellissima donna.

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

Scopri Bibibau con noi

Scopri i prodotti Mediterrah

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

IJO’ Design è un brand salentino che fa realizzare artigianalmente mantelle, scialli e stole,...

Belle storie di penna

La penna è per me un fondamentale strumento di lavoro, perché da sempre preferisco...

Moskardin: appunti di viaggio

Moskardin è il nome di un elegante quaderno di viaggio di produzione artigianale e...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here