Masseria Serralta

Arturo: valutazione 5 ossi

Di paesaggio da fiaba si può a buon diritto parlare a proposito delle campagne che circondano Locorotondo. Qui, adagiato su una delle colline più elevate dell’altopiano della Murgia, c’è il B&B Masseria Serralta. L’aspetto dell’edificio di origine settecentesca, dichiarato “bene di interesse culturale” dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è rimasto fedele alle originali connotazioni architettoniche grazie all’accurato restauro eseguito nel pieno rispetto delle radici di una terra come la Valle d’Itria.

Così hanno voluto Marta e Beniamino, i proprietari di questo accogliente luogo votato all’ospitalità con l’alta cummersa dall’aria severa e i panciuti trulli trasformati in quattro raffinate e ampie suites. La “nostra” è stata Nelly, una grande stanza pensata per accogliere tre ospiti, con ampio soggiorno affacciato sul fronte della masseria e porta-finestra dell’ariosa stanza da letto che conduce nell’ampio giardino sul retro. Nella suite Sandy, sotto il grande arco dell’alcova, è stata ricavata un’ampia cucina a disposizione di chi vuol vivere la sua vacanza in modo libero e senza orari anche nella preparazione del cibo, e un bagno color verde muschio con grande box doccia a cascata. Maria è la suite più appartata e raccolta, ideale per una coppia: si affaccia su una piccola corte riservata ed è formata da una camera da letto e un accogliente soggiorno, con un bagno ricavato nell’antica stalla dove tra le mangiatoie è stata inserita una vasca dal moderno design. Ma la chicca è il trullo sovrano, a due piani, che ospita la suite plus Amelia, con zona giorno e una camera a piano terra collegate con quello superiore con una avveniristica scala a chiocciola in vetro temprato che si arrampica in alto senza appesantire e mascherare la splendida struttura in pietra. La sala da giorno è collegata a un trullo in cui oggi c’è una moderna cucina che conserva il vecchio focolare. Anche il bagno è “scavato” in un trullo luminoso e solare grazie al giallo delle mattonelle mosaico che ne rivestono le pareti.

Il mobilio semplice ma ricercato con colorati guizzi di modernità e il richiamo alla tradizione ceramica pugliese attraverso le lampade realizzate a Grottaglie da Domenico Pinto, conducono l’ospite, di ambiente in ambiente, in un viaggio emozionante che continua all’esterno quando lo sguardo si sofferma sull’edificio principale, elevato e imponente sulla valle. E si coglie appieno la suggestione che emana da tutto ciò che popola le stanze, che si lascia accarezzare dalla luce penetrante che dall’esterno trasporta il profumo degli alberi e dei prati impregnati del sole pugliese.
L’invito a godersi questa quiete è completato dalla bella piscina a disposizione degli ospiti e, al mattino, dalla golosa colazione a base di dolci, di crostate fatte in casa e di yogurt arricchiti da frutti appena colti. Nella piccola sala per le colazioni chiacchieriamo con Marta: singolare che lei che ha studiato a Genova Scienze ambientali con indirizzo marino, si ritrovi poi a Locorotondo dove il “lungomare” c’è ma si affaccia sulla Valle d’Itria!

Iniziamo la nostra conversazione con il sorriso che non ci abbandonerà per tutto il tempo delle chiacchiere e della visita alla struttura con il giro sul tetto tra i coni dei trulli e lo spettacolare panorama tutt’intorno. Posso solo immaginare la faccia di tutti coloro che vedono i trulli per la prima volta, i loro occhi sgranati dalla meraviglia… Sono tanti gli stranieri che scelgono Masseria Serralta per le loro vacanze. Merito anche di Marta e Beniamino sempre pronti ad accogliere con semplicità e con i giusti consigli su come vivere la zona, una delle più belle d’Italia.
Per concludere, Arturo: tra tutto quello spazio a disposizione, interno ed esterno, e le carezze di Marta è stato contento di accompagnarci in questo delizioso soggiorno, meno felici le gatte di casa!

Masseria Serralta
s.c. 86 c.da Serralta 39, Locorotondo – Bari
Info: +39 392 7122660 – www.masseria-serralta.it – info@masseria-serralta.it