Un edificio dalle antiche origini sui colli della Maremma, tra i fitti boschi di cerro, roverella, leccio, castagno e faggio, a pochi chilometri da Massa Marittima, che è stato ristrutturato nel rispetto dell’architettura e dei materiali tradizionali. Così si presenta La Melosa, che nell’XI secolo era una pieve benedettina intitolata a San Cassiano, poi dominio della famiglia Aldobrandi ricordata da Dante nel Purgatorio.

Relax e benessere tra i boschi

Oggi è un piccolo resort di fascino con spa e ristorante, gestito alle porte di Roccastrada da Gemma Solari insieme al marito Gabriele Rum, figlio d’arte in quanto la sua famiglia è proprietaria anche dell’Hotel Castello Monticello sull’isola del Giglio.

Aperta nel 2004, la struttura con i pavimenti in cotto e le mura in pietra, dispone di dodici camere, una diversa dall’altra, che si affacciano sul rigoglioso giardino con piante di rose, cespugli di lavanda, alberi da frutto, grandi querce e alti cipressi, e sulla grande e invitante piscina.

la melosa

Per le stanze si è giocato sull’uso del colore e ognuna è personalizzata con dipinti murali trompe-l’oeil che rendono l’atmosfera fiabesca: a noi è stata assegnata la Mirtillo con copriletto e tende lilla e simpatici scoiattoli dipinti sulle pareti. Insieme alla Melosa, è la camera con giardino privato adatta a chi viaggia con peloso al seguito, ma anche con semplice accesso ai disabili e in più entrambe sono stanze che possono essere occupate da fumatori. Perché qui l’attenzione all’ospite e alle sue esigenze è costante e ci si sente continuamente coccolati dalla signora Gemma e da Alessandra che accolgono in reception e sono sempre pronte a esaudire ogni richiesta o a fornire consigli su cosa fare, vedere e provare nei dintorni.

la melosa

Altro elemento caratterizzante delle stanze è il soffitto con travi in legno trattato con cere naturali, mentre la climatizzazione è ottenuta da un moderno sistema di raffrescamento e riscaldamento a pavimento con impianto di deumidificazione regolabile in ogni singola camera. Tutti accorgimenti che hanno fatto meritare a La Melosa Resort il certificato ECOWORLD HOTEL assegnato agli hotels e ai B&B amici dell’ambiente.

la melosa

A piano terra si trova anche il grande soggiorno dove gli elementi della tradizione ci sono tutti: i soffitti con travi di legno a vista e il camino conviviale corredato da comode sedute e dai piccoli tavoli per la colazione, che nella bella stagione viene servita sulla terrazza esterna a bordo piscina.

la melosa

Le coccole continuano nel caldo e accogliente Centro Benessere, griffato Deckelmann, dove il percorso relax comincia con sauna, bagno turco e docce energizzanti, per poi proseguire sulla panca riscaldata o nelle due vasche per idromassaggio. Ma il top si raggiunge nelle cabine per massaggi con i meravigliosi effetti benefici che sulla pelle hanno i cosmetici della linea naturale “MelOil” realizzata esclusivamente per La Melosa Resort con olio d’oliva dell’alta Maremma, erbe officinali, vitamine ed estratti vegetali.
Tantissimi i trattamenti proposti, tra cui i massaggi con le conchiglie e gli “Abbracci di cioccolato”, disponibili anche nelle “Coccole per due”, quelle riservate alle coppie che vogliono approfittare del soggiorno tra il verde della Maremma per rilassarsi e ricercare insieme il benessere corpo-mente.

la melosa

La parentesi romantica può continuare a Il Canto del Gusto, il ristorante della struttura aperto tutte le sere anche agli esterni in cui la chef Cristina propone ogni giorno un menu diverso con piatti tipici della tradizione maremmana preparati con prodotti locali e di stagione. Noi, consigliati dalla gentilissima e sorridente Elena in sala, abbiamo scelto la selezione di salumi Subissati di Roccastrada con l’immancabile fett’unta, i pici cacio e pepe, il cinghiale alla cacciatora e tagliata di scottona maremmana al rosmarino. Prima del dolce, una squisita panna cotta al cioccolato e menta, la sorpresa di essere osservati attraverso la grande vetrata affacciata sul bosco da una piccola volpe curiosa che tranquilla ci ha guardati e poi ha proseguito la sua passeggiata. Questo inaspettato incontro ci ha rammentato quanto un soggiorno da queste parti possa far sentire completamente immersi nella natura.
Riguardo i vini abbiamo preferito bere local dando la nostra preferenza a due DOC maremmane: i rossi Monteregio e Montecucco che si sono ben abbinati ai piatti robusti della gastronomia della zona.

la melosa

E poi? Relax e buon sonno nella nostra confortevole camera affacciata sul verdissimo prato sul retro del resort: qui Arturo si sarebbe divertito tantissimo! La signora Gemma aspettava anche lui e per questo ci aveva riservato la stanza senza scale e con giardinetto privato. Sicuramente a La Melosa Arturo avrebbe assegnato tutti i suoi cinque ossi.

Melosa Resort
SP 157 km 22, Roccastrada – Grosseto
Info: +39 0564.563349 – www.lamelosa.it – info@lamelosa.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here