Ferrovia dei Parchi: il fascino del treno storico

Fuori confineFerrovia dei Parchi: il fascino del treno storico
spot_imgspot_imgspot_img

 

La Ferrovia dei Parchi permette di tornare indietro nel tempo viaggiando come facevano i nostri nonni. Dove? In Abruzzo! Il treno storico parte da Sulmona per intraprendere un suggestivo percorso panoramico tra i valichi di montagna verso le pendici della Maiella e gli Altipiani Maggiori d’Abruzzo, toccando i 1300 metri e affrontando un tortuoso percorso per potersi arrampicare evitando le notevoli pendenze sulla tratta.

A bordo della Transiberiana d’Italia

Ferrovia dei Parchi

Durante il tragitto il treno percorre paesaggi di una bellezza che toglie il fiato con panorami che comprendono cime che sfiorano i 3000 metri di altezza come quella del Corno Grande del Gran Sasso da una parte e l’innevata Maiella dall’altra, tra scenari naturali ricchi di biodiversità vegetale e una fauna selvatica che comprende animali rari come lupi e orsi. Non li abbiamo avvistati ma un grosso cervo ci ha deliziati con le sue evoluzioni tra rocce e arbusti!

Ferrovia dei Parchi

Ma non sono solo gli splendidi luoghi che sfilano attraverso i finestrini ad ammaliare chi viaggia sul treno Ferrovia dei Parchi chiamato anche Transiberiana d’Italia. Ciò che rende emozionante il percorso panoramico è soprattutto la consapevolezza di fare un tuffo nel passato attraverso i racconti dei volontari dell’associazione Le Rotaie.

Ferrovia dei Parchi

Nella nostra carrozza la brava Erika ha coinvolto tutti parlando di questa tratta nel cuore dell’Abruzzo su cui ora circola, con le sue carrozze Centoporte e Corbellini degli anni Trenta e Cinquanta perfettamente restaurate, solo il treno storico della Ferrovia dei Parchi.

Una rotta storica, un tempo molto frequentata, che fu inaugurata il 18 settembre del 1897 e che ha rappresentato per oltre un secolo un importante collegamento tra Adriatico e Tirreno. Ancora oggi è considerata un vero capolavoro di ingegneria ferroviaria che percorre un tracciato tortuoso, con pendenze fino al 28 per cento, dai 328 metri sul livello del mare a Sulmona ai 1.268 della stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo, fino a Castel di Sangro.

Distrutta fra il 1943 e il 1944 dai tedeschi fu ricostruita nel dopoguerra circolando fino al 1974 grazie alle locomotive a vapore che furono poi sostituite dalle automotrici diesel dimezzando i tempi di percorrenza. Chiusa nel 2011 per gli ingenti costi di gestione e il traffico ridotto, la Transiberiana è stata riaperta grazie a una convenzione tra Fondazione Fs, che ha ripristinato le linee ferroviarie sospese e recuperate a una nuova vocazione turistica con il progetto «Binari senza Tempo», l’agenzia viaggi Pallenium e Le Rotaie, un’associazione di promozione della cultura ferroviaria formata da volontari che cura tour ed eventi sulla linea per raccontarne storia e paesaggi.

Ferrovia dei Parchi

Siamo saliti in carrozza con il nostro Otto a Sulmona e, attraversando paesaggi incantati, abbiamo circumnavigato Pettorano sul Gizio, borgo tra i più belli d’Italia e paese di origine delle pizzelle, i dolci tipici di cui vi parliamo in Buongusto.

Ferrovia dei Parchi

Il treno ha proseguito alla volta di Campo di Giove e poi, correndo su viadotti ad archi in pietra e all’interno di gallerie scavate nella roccia, attraversando il Parco della Majella e il Parco nazionale d’Abruzzo, si è fermato alla stazione di Palena sul Valico della Forchetta, a 1.257 metri sul livello del mare.

Qui siamo scesi e fare un giretto tra gli stand con le delizie locali e per prendere un caffè tra una coccola e l’altra, non molto gradita da Otto per la verità, ai quattro pastori abruzzesi che si aggirano tra i viaggiatori sperando in un boccone. La stazione del Comune in provincia di Chieti è la seconda più alta d’Italia dopo quella di Brennero ed è stata scelta anche come set cinematografico per girare alcune scene del film “Il Dottor Zivago”, celebre capolavoro di David Lean.

Risaliti a bordo della Ferrovia dei Parchi abbiamo potuto ammirare l’incantevole scenario dell’Altopiano di Quarto Santa Chiara prima di raggiungere Roccaraso, famosa stazione sciistica, passando per Rivisondoli-Pescocostanzo dove la Ferrovia dei Parchi tocca il punto più alto del suo percorso a quasi 1.270 metri, per poi proseguire attraverso gli Altopiani Maggiori d’Abruzzo.

Durante il tragitto verso la valle del Sangro siamo stati deliziati dai ritmi de L’Allegra Compagnia Musicale ed a questo punto che Otto ha cominciato ad accompagnare “cantando” i musicisti: la notizia è passata di vagone in vagone tanto da farlo diventare famoso come il cane cantante che molti passeggeri sono venuti a conoscere di persona presso la nostra carrozza!

La tratta più panoramica d’Italia si ferma a Castel di Sangro dove siamo arrivati alle 13, giusto in tempo per l’ora di pranzo. E non potevamo certo non onorare i piatti forti della cucina locale, dalle pallotte cacio e ova all’agnello a scottadito per concludere con il pecorino alla piastra miele e noci.

Il borgo, che si sviluppa tra il fiume Sangro e la Civita, il quartiere più alto e antico, consente belle passeggiate partendo da Piazza Plebiscito e salendo verso la Basilica di Santa Maria Assunta caratterizzata da due campanili laterali gemelli e un loggiato quattrocentesco recuperato dalla precedente chiesa medievale.

Alle 17 di nuovo in carrozza a bordo della Ferrovia dei Parchi che conclude il suo giro a Sulmona un paio di ore più tardi.
Le partenze vengono effettuate ogni sabato e domenica e negli altri giorni festivi: il calendario con tutti i dettagli è consultabile sul sito ufficiale www.ferroviadeiparchi.it.

DOVE DORMIRE

Hotel Sagittario
Via Nolfese, Località Madonna di Loreto – Bugnara
Tel. +39 0864 46463 – info@hotelsagittario.it

L’albergo, confortevole con ampio spazio verde, si trova a 7,2 chilometri dalla Stazione di Sulmona ed è l’unico di quelli proposti nei pacchetti di viaggio Ferrovia dei Parchi che ammette animali domestici.

DOVE MANGIARE

La Rimessa
Via Numicia – Castel di Sangro
Tel. +39 0864 841093

In collaborazione con Ferrovia dei Parchi

 

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

Scopri Bibibau con noi

Scopri i prodotti Mediterrah

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

IJO’ Design è un brand salentino che fa realizzare artigianalmente mantelle, scialli e stole,...

Belle storie di penna

La penna è per me un fondamentale strumento di lavoro, perché da sempre preferisco...

Moskardin: appunti di viaggio

Moskardin è il nome di un elegante quaderno di viaggio di produzione artigianale e...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

  1. Otto geloso? Avrei voluto esserci! Otto CANTANTE?? Qui ancora di più!!
    Però non ho capito perché la chiamano Transiberiana: forse perché, nonostante il tragitto meno esteso, attraversa territori molto diversi fra loro?

  2. Se vuoi farti due risate guarda il reel pubblicato oggi su Instagram in cui Michele ha ripreso l’esibizione di Otto 😉
    Riguardo il nome Transiberiana d’Italia fu dato al treno nel 1980 dal giornalista e scrittore Luciano Zeppegno, reduce da un viaggio in treno in Asia, che in un suo articolo paragonò il paesaggio innevato degli Altipiani Maggiori d’Abruzzo a quello lontano della steppa siberiana in inverno.

  3. Ma scommetto che avete detto no 🙃 troppa fama stroppierebbe 😁

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here