mercoledì, Novembre 30, 2022

Farinella, passione e memoria

InVetrinaFarinella, passione e memoria
spot_imgspot_imgspot_img

 

Farinella è il nome dell’azienda specializzata nella produzione di tarallini, friselline e crostini che Domenico Egizio ha fondato a Putignano. Ma Farinella è anche il nome d’arte scelto da Domenico, ormai ovunque conosciuto come Mimmo Farinella.

Gusto di una volta al passo con la modernità

Durante la nostra visita presso il suo centro di produzione basata su un’accurata selezione delle migliori materie prime, ci ha raccontato della sua avventura, cominciata nel 1983. E del nome scelto per connotarla, che rimanda a uno dei prodotti gastronomici più conosciuti del suo paese d’origine: la farinella appunto. La farinella è un antico cibo contadino che ancora oggi si produce e si consuma a Putignano, cittadina famosa per il suo Carnevale, tanto che anche la maschera tipica, una fusione tra quella di Arlecchino e il Jolly delle carte da gioco, è stata chiamata Farinella.

farinella

Per anni la miscela di orzo e ceci tostati ridotta in farina integrale con l’aggiunta di un po’ di sale ha costituito, insieme a fichi secchi, erbe e cipolle selvatiche raccolte in campagna, l’unico pasto che i contadini consumavano durante il lavoro nei campi, mentre ai bambini si faceva mangiare nella versione dolce con acqua, zucchero e qualche goccia di olio d’oliva.

farinella
Foto dal sito www.farinellasrl.it

Sicuramente sono state queste reminiscenze a suggestionarlo e a suggerirgli nome e logo per la sua azienda che ha alle spalle un passato importante fatto di memoria e dedizione. Nonostante Mimmo Egizio sia rimasto orfano di padre a soli tre anni, ha sempre respirato gli effluvi di pane e farina. Infatti a sei anni iniziò a lavorare nel forno di famiglia aperto nel 1954 in piazza San Domenico, nel centro del borgo di Putignano acquisendo tutti i segreti del mestiere.

farinella

Gli stessi che ancora oggi trasformano il tarallino da snack in delizia e che da Farinella srl si tramandano di generazione in generazione. Se ieri erano le abili e veloci mani dei fornai a ridurre la pasta a striscioline creando il classico nodo e dando forma ai tarallini, che prima vengono bolliti e poi passati in forno, oggi sono moderni macchinari ad occuparsene. Ma l’incanto resta lo stesso.

E Farinella è uno dei migliori ambasciatori di questo antico alimento tipico pugliese realizzato con ingredienti attentamente selezionati: farina di frumento, semola rimacinata, olio extravergine d’oliva, vino bianco e sale. Oggi l’antica arte di produrli con materie prime di assoluta qualità è affidata alle mani esperte di Mimmo che porta avanti la tradizione taralliera artigiana pugliese con i figli nell’attuale sede della Farinella srl alla periferia del paese.

farinella
Foto dal sito www.farinellasrl.it

Oltre ai tarallini tradizionali, oggi Farinella propone una serie di alternative e gusti dedicati ai palati più raffinati, come quelli ai 7 cereali, al mais e al sesamo, ma anche altri prodotti da forno salati come friselline e crostini.

Farinella
Foto dal sito www.farinellasrl.it

Le friabili friselline, espressione del gusto tipico della terra del sud, sono create in diverse varianti, dalle tradizionali a quelle con impasto ai 7 cereali, al mais, fino alla sfiziosa versione mediterranea.
Sono perfetti per accompagnare l’aperitivo gli stuzzicanti crostini che accontentano tutti con i gusti Olio&Sale, Origano, Pizzaiola, Peperoncino, Rosmarino e la Rustica.
E infine tante anche le produzioni con farine di grani antichi.

Tarallini, friselline e crostini partono dal quartier generale della Farinella srl a Putignano per raggiungere ogni angolo d’Italia, vantando importanti collaborazioni come quella della distribuzione nei punti vendita della COOP. Sono molto richiesti anche all’estero sui mercati internazionali di New York, della California, passando per la Florida, ma anche Irlanda, Regno Unito, Germania, Belgio, Francia, Svizzera, Austria, Lituania, Romania e raggiungendo persino le Isole Cayman.

Merito di una produzione molto attenta alla qualità, che mette al primo posto un’accurata selezione delle materie prime e che prevede una lavorazione rispettosa della tradizione artigianale ma affiancata dal supporto delle più avanzate tecnologie. Nel corso degli anni poi – ci tiene a sottolineare in modo fiero Mimmo – l’azienda ha ottenuto diverse certificazioni secondo severi standard a valenza internazionale come BRCGS Food, IFS Food, UNI EN ISO 22000-2018, Food Safety e quella per la produzione della linea BIO (biologica).

Tornando alla nostra visita all’azienda, profumi e metodi di lavorazione, sia pur adeguati ai tempi moderni con macchinari di ultima generazione affiancati da personale altamente specializzato, ci hanno riportato alla nostra infanzia, quando aiutavamo le nostre mamme e nonne a creare gli anelli per i tarallini che poi venivano ordinatamente disposti sui tavolieri e successivamente bolliti e riposti su grandi guantiere per essere portati al forno da dove tornavano a casa dorati, fragranti, croccanti e saporiti.

Operazioni che da Farinella si ripetono nello stesso ordine cronologico anche se portate avanti su più larga scala con macchine e addirittura piccoli robot per avvolgere il cellofan intorno ai cartoni da spedire. Mentre la presenza di eventuali corpi estranei all’interno della confezione viene rilevata dal metal detector in modo automatico e la busta “incriminata” viene scartata e letteralmente soffiata via.

Questa tecnologia snellisce le procedure ed è di grande ausilio a chi lavora in azienda, ma nello stesso tempo non priva il consumatore di tutto ciò che ruota intorno a “ricordi, emozioni, profumi che lo possano riportare al forno accanto a scuola, alla mamma che sforna il pane, alle cose buone di una volta”, come sottolinea Mimmo Farinella.

Il risultato, cioè il fragrante e gustoso tarallino, deriva da un impasto che viene lungamente lavorato per amalgamare bene tutti gli ingredienti. La fase successiva è la formatura dell’impasto. Nel caso dei tarallini, gli “anellini” vengono sottoposti a bollitura e successiva cottura in forno, mentre friselline e crostini, dopo la lievitazione, vengono prima parzialmente cotti in forno, per poi passare al raffreddamento, al taglio e alla tostatura. Per tutti il processo termina con il confezionamento una volta ben raffreddati.

Farinella

Tutti i prodotti di Farinella – ci fa notare Mimmo – sono lavorati, confezionati e spediti di giorno in giorno per non creare giacenze di magazzino e per conservarne il più a lungo possibile sapore e fragranza. Ma questo è solo uno dei segreti della bontà di ciò che Farinella produce, che si distingue non solo per la sua qualità nel panorama dei prodotti da forno, ma anche per i criteri di sicurezza alimentare che vengono fedelmente seguiti focalizzando ogni giorno l’obiettivo di soddisfare il cliente perché “il benessere passa anche dal palato”.

Farinella s.r.l.
Via Michele Mummolo Z.I. n. 15 – Putignano (Ba)
+39 080 4911325 – info@farinellasrl.it

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

Scopri Bibibau con noi

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

Mantelle, scialli e stole, caldi e avvolgenti, sono i nuovi capi spalla. Indispensabili in...

Belle storie di penna

Stefano Cazzato ci racconta nel suo laboratorio di Lecce una bella storia italiana di...

Moskardin: appunti di viaggio

Può sembrare bizzarro, nell’era del computer, di internet e del telefonino, portare con sé...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here