Angelisa Loschiavo a Un libro prima di cena

0
61
Angelisa Loschiavo

La co-protagonista della serata di venerdì 31 luglio dedicata al quarto appuntamento di “Un libro prima di cena” al Seminario di Conversano è stata la luna. Enorme, argentea e luminosissima ha catturato gli sguardi di tutti, prima e durante, la presentazione del libro di Angelisa Loschiavo “Il blu, l’albero e a capo”. E se in realtà la luna ha brillato del suo solito colore non tingendosi di blu come ci si aspettava dal nome che contraddistingue il raro fenomeno della seconda luna piena del mese (la prima quella del 2 luglio) che si verifica all’incirca ogni tre anni, il colore è stato comunque il leit motif della serata.

 

Mariablu Scaringella, presidente dell’Associazione MadeInBlu ha chiacchierato con l’autrice Angelisa e insieme hanno parlato del “Il blu, l’albero e a capo”, dove appunto il blu torna nel titolo. Una combinazione particolare se si pensa che l’autore della serata doveva essere Cosimo Argentina con il suo “L’umano sistema fognario”, impossibilitato a lasciare Milano per Conversano. Ma come Angelisa ha più volte sottolineato commentando le vicende dei protagonisti del suo libro, il caso non esiste, dunque anche per questa sera qualcuno aveva già scritto dovesse andare così.
Il vento finalmente fresco e piacevole, dopo una giornata torrida, ha reso ancor più piacevole intrattenersi in giardino sotto il gigantesco pino che vi troneggia e che ha interpretato per una sera il ruolo dell’altro protagonista del titolo del libro, l’albero appunto. Come ogni venerdì le parole scritte, lette ad alta voce dalle attrici del Teatro Osservatorio di Bari Clarissa Scialdone e Claudia De Bari, hanno preso vita portando tutti sull’isola descritta dell’autrice, una sorta di isola che non c’è, come l’ho chiamata, perché in realtà ognuno può cercarla dentro e fuori di sé.
Non si poteva dar voce agli altri personaggi del libro: i cani e i gatti dei protagonisti che però sono stati citati più volte dando modo di parlare anche dell’altra parte organizzatrice della rassegna, il blog Città Meridiane, che non solo può far viaggiare con la mente chi lo legge ma anche praticamente con consigli ad hoc, dedicati soprattutto a tutti coloro che non rinunciano a portarsi dietro i propri pelosi.

La seconda parte della serata è scivolata dolce e leggiadra come la prima tra fresco rosé e frizzante prosecco nei calici e in tavola focacce, friselline, scamorze, formaggette e riso basmati con limone e acciughe. E per rinfrescare ancor di più la serata il team del Seminario ha pensato anche di offrire una succosa e fragrante anguria apprezzata da tutti.
A questo punto quasi dispiace dire che venerdì 7 agosto sarà l’ultimo appuntamento per “Un libro prima di cena”: Al Seminario ci sarà Fulvio Frezza con “Meraviglioso”, il suo libro sulle canzoni di Domenico Modugno.