A Napoli col cane

Fuori confineA Napoli col cane
spot_imgspot_imgspot_img

 

Napoli col cane è ancora più bella! La città partenopea è una meta perfetta per chi viaggia con il proprio animale domestico in quanto è una delle più pet friendly d’Italia e offre un’infinità di possibilità per chi ha voglia di visitarla insieme al proprio cane. A cominciare dalla bella e lunga passeggiata che si può fare sul suo litorale e nel parco pubblico del Real Bosco di Capodimonte.

La città più pet friendly d’Italia

Ma non vi meravigliate se ci impiegherete tempo: sarete fermati a ogni passo per una coccola al vostro amico peloso. Del resto si sa che i Napoletani sono famosi per il loro calore che riservano a bipedi e quadrupedi. Non solo. Napoli figura ai primi posti per numero di strutture ricettive che ammettono la presenza di animali domestici durante il soggiorno.

Non è un caso che sia stata la prima città che abbiamo voluto visitare insieme al nostro Otto fermandoci al The Foria House. E ci siamo tornati ancora pernottando al Borgo Vergini Garden e al N’Art Suites dove Otto non è solo stato accolto ma supercoccolato: posti perfetti per chi vuole godersi a piedi la città. Ricavati in bei palazzi d’epoca, il primo nel Rione Sanità e il secondo in Piazza Garibaldi, proprio di fronte alla statua che rappresenta l’eroe dei Due Mondi, rappresentano entrambi un approdo ideale per chi arriva in città con il cane.

Andare a Napoli col cane significa avere libero accesso a quasi tutti i bar e i ristoranti. Negli ultimi tempi, poi, si sta diffondendo la tendenza dell’Aperidog: un evento a cui si può partecipare solo se “accompagnati” da un cane e in cui, quest’ultimo avrà diritto a un aperitivo tutto canino a base di leccornie realizzate appositamente per lui.

Napoli col cane

Spostarsi non è un problema perché è consentito l’accesso a metropolitane, autobus e funicolari. E con Otto abbiamo “nuotato” tra le tessere di mosaico cerulee e cangianti della stazione Toledo della Metropolitana, progettata dall’architetto catalano Óscar Tusquets Blanca e considerata la più bella d’Europa.

L’attenzione particolare che Napoli riserva ai 4 zampe e a chi li accompagna è tale che il Museo del Tesoro di San Gennaro è stato il primo nel 2017 a introdurre l’ingresso per animali che possono accompagnare gli umani nelle sale per tutta la durata del percorso. Non sono richiesti trasportini né gabbie, ma solo il guinzaglio e non c’è bisogno di pagare biglietti extra. Anche al Museo Archeologico è consentito l’ingresso ai cani ma soltanto a quelli di taglia piccola in quanto devono essere tenuti in braccio: per cui ci sono stata da sola mentre Michele e Otto mi hanno atteso all’esterno.

Napoli col cane Napoli col cane

Si possono visitare altri luoghi, tra i più magici della città, da Castel dell’Ovo, uno dei più romantici simboli di Napoli, alla Napoli sotterranea e alla Galleria Borbonica nelle viscere di Napoli in cui si sviluppano anche le suggestive Catacombe di San Gennaro e di San Gaudioso. Tutte le visite possono essere effettuate insieme ai nostri amici a quattro zampe a dimostrazione, ancora una volta, di quanto Napoli col cane sia ideale per travel doggers come noi.

 

 

 

Insomma Napoli si conferma unica anche col cane, perché unica è la sua capacità di incantare. Con Otto ci siamo stati anche durante il periodo natalizio quando si anima la via di San Gregorio Armeno, tra sacro e profano, tra statuine e corni portafortuna.

E abbiamo passeggiato in uno dei quartieri più autentici e vivaci, quello del quartiere Stella più conosciuto come Rione Sanità in cui le luminarie riprendono una delle canzoni più amate di Pino Daniele: “Napule è mille culure…” e dove si colgono al meglio le mille sfumature e i mille contrasti di questa città tra edilizia popolare, chiese e palazzi storici. Basta affacciarsi nel cortile del Palazzo dello Spagnolo, costruito a metà del 1700 da Ferdinando Sanfelice per il marchese Nicola Moscati e poi acquistato dal nobile spagnolo Tommaso Atienza.

Un’altra passeggiata da non perdere è quella tra i Quartieri Spagnoli dove non ci sono chiese dedicate a grandi santi ma il sacro è rappresentato dalle innumerevoli edicole votive e soprattutto dalla chiesa di Santa Maria Francesca delle Cinque Piaghe con il culto della Sedia della Fertilità, un vero e proprio santuario in mezzo ai vicoli. In quella che fu la casa della santa si recano coloro che chiedono la grazia di un figlio e le pareti della piccola sala dove c’è la statua della santa sono tappezzate di bavaglini e fiocchi rosa e azzurri. Nella sala accanto, invece, c’è la sua sedia: chi desidera avere un figlio, si siede lì e chiede la grazia.

Altra tappa irrinunciabile quella a Largo Maradona come viene chiamato il tratto di via Emanuele De Deo in cui il terremoto che devastò l’Irpinia il 23 novembre 1980 provocò crolli. Nello spazio vuoto due enormi murales si fronteggiano: la Pudicizia, realizzato dall’artista argentino Francisco Bosoletti, che ha restaurato la testa di Diego Armando Maradona ritratto da un giovane dei Quartieri Spagnoli, Mario Filardi, scomparso alcuni anni fa a Zurigo su un edificio a sei piani nel 1990 per festeggiare il secondo scudetto del Napoli. Ma sono oltre 200 i murales in zona che raffigurano il gigante buono Carlo Pedersoli, meglio conosciuto come Bud Spencer, la diva Sophia Loren e l’indimenticabile Massimo Troisi.

Le nostre soste gastronomiche a 4 gambe e a 4 zampe? Alla mitica Trattoria Nennella nel cuore dei Quartieri Spagnoli tra fritto misto Napoli, pasta e patate e polpette al ragù. In zona stazione, nei dintorni di Piazza Garibaldi, alla Trattoria Da Donato che vanta una tradizione gastronomica tramandata da generazione in generazione: con Francesco e Andrea, i figli di Marilena e il marito Ciro Addo, siamo alla quarta. Nel Rione Sanità, dove si passeggia tra un via vai di gente che sembra non fermarsi mai, si viene attratti dal profumo di buono che proviene dalla Pasticceria Poppella, dove Ciro, dopo aver dato il benvenuto ai quattro zampe insieme alla sua Sharon, propone il mitico Fiocco di Neve: non si può descrivere, va provato!

Altri indirizzi golosi: Concettina ai Tre Santi per la “margheritissima” con pomodorini del Piennolo e parmigiano reggiano, ‘A Cucina ‘e Mammà, una trattoria tipica con cucina napoletana verace e Isabella de Cham per la pizza fritta.

DOVE DORMIRE COL CANE

The Foria House
Via Foria, 153 Napoli
www.theforiahouse.com

Borgo Vergini
Via Mario Pagano, 23 Napoli
www.borgoverginigarden.it

N’art Suites Guest House
Piazza Giuseppe Garibaldi, 3 Napoli
nartnapoli.wixsite.com/nartsuites

DOVE MANGIARE COL CANE

Trattoria Nennella
Piazza Carità, 22 Napoli
www.trattorianennella.it

Antica Trattoria e Pizzeria da Donato
Via Silvio Spaventa, 39/41 Napoli

Pasticceria Poppella
Via Arena alla Sanità, 28/29
www.pasticceriapoppella.com

Concettina ai Tre Santi
Via Arena della Sanità, 7 Bis Napoli
www.pizzeriaoliva.it

‘A Cucina ‘e Mammà
Via Foria, 99/101 Napoli

Isabella De Cham
Via Arena della Sanità, 27 Napoli
www.isabelladecham.com

COSA VISITARE COL CANE

Museo del Tesoro di San Gennaro
Via Duomo, 149 Napoli
www.tesorosangennaro.it

Museo Archeologico Nazionale
Piazza Museo, 18/19 Napoli
www.mann-napoli.it

Napoli Sotterranea
www.napolisotterranea.org

Galleria Borbonica
www.galleriaborbonica.com

Catacombe di San Gennaro e San Gaudioso
Via Capodimonte, 13, Napoli
www.catacombedinapoli.it

Scopri Bibibau con noi

Rosalia
Rosalia
This travel blog with the dog is a personal selection of our best experiences, our favorite spots and secrets places around the world curated by Rosalia e Michele.

ARTICOLI CORRELATI

Scopri Bibibau con noi

Scopri i prodotti Mediterrah

ULTIMI ARTICOLI

IJO’ Design: a spalle coperte

IJO’ Design è un brand salentino che fa realizzare artigianalmente mantelle, scialli e stole,...

Belle storie di penna

La penna è per me un fondamentale strumento di lavoro, perché da sempre preferisco...

Moskardin: appunti di viaggio

Moskardin è il nome di un elegante quaderno di viaggio di produzione artigianale e...

Recycle: l’arte del riciclo per i bijoux

Quando si va in vacanza si ha voglia di portare con sé qualche accessorio...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here